Sabato 29 Ottobre 2016 - 10:15

Bari, rapinatore in pigiama prende a martellate il vicino

L'obiettivo dell'aggressore era il televisore nell'appartamento accanto

Bari, rapinatore in pigiama prende a martellate il vicino di casa

Un tentativo di rapina portato a termine da un vicino di casa, in pigiama, con una violenza inaudita. Alla reazione di un pensionato 67enne che non si arrendeva a lasciar prendere il televisore che aveva in salotto, il rapinatore non ha esitato a prenderlo a martellate in faccia. Sfiorata una tragedia per poche decine di euro. E' successo intorno alla mezzanotte di ieri nel quartiere Madonnella di Bari, dove i carabinieri del nucleo radiomobile hanno arrestato un 30enne pregiudicato del quartiere Madonnella con l'accusa di tentata rapina e lesioni personali aggravate in danno di un pensionato 67enne, vedovo, residente nello stesso quartiere.

I fatti risalgono alla serata scorsa.  L'anziano si trovava da solo in casa, quando ha sentito suonare il campanello. Una volta aperta la porta si è trovato di fronte il vicino in pigiama che lo ha spinto, scaraventandolo a terra, prima di afferrare il televisore. La vittima ha cercato di fermare il suo aggressore, ma il vicino ha impugnato il martello e lo ha colpito in faccia e sul corpo. I carabinieri, su indicazione del 67enne, sono andati a casa del vicino e qui hanno trovato tracce di sangue (riconducibili all'anziano) tra le lenzuola, sul pigiama e sul giubbotto. E' quindi scattato subito l'arresto per il 30enne. Del martello, al momento, nessuna traccia. La vittima è stata portat in ospedale: ha riportato una frattura al naso e diverse contusioni ed escoriazioni in varie parti del corpo, ritenute guaribili in 20 giorni di prognosi. Il 30enne è stato quindi condotto in carcere
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Turisti e sicurezza in città'

Isis minaccia su Telegram: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

Lo riferisce l'organizzazione Usa Site. Il Viminale comunica di aver espulso due marocchini e un siriano per motivi di pericolosità sociale

Trovato cadavere carbonizzato in un prato vicino ad Aosta

Per il momento non è stato possibile identificare la vittima

I genitori di Valeria Solesin: "Conosciamo questo dolore"

Luciana Milani e Alberto Solesin scrivono una lettera aperta ai familiari delle vittime della strage di Barcellona