Domenica 13 Dicembre 2015 - 22:00

Bari-Perugia finisce 1-0, decide Sabelli

I pugliesi rialzano la testa e riprendono la marcia promozione

Bari-Perugia finisce 1-0, decide Sabelli

Il Bari rialza la testa e riprende la marcia promozione. I pugliesi archiviano il ko di Modena e superano di misura il Perugia (1-0) al 'San Nicola' nel posticipo delle 12.30 della 18/a giornata di Serie B. Tre punti d'oro per Nicola, che si porta a -2 dal duo di testa formato da Cagliari e Crotone, in attesa della sfida di stasera tra i calabresi e il Modena. Seconda sconfitta consecutiva per gli umbri, fermi a quota 24. Primo tempo avaro di emozioni, prima dell'intervallo sono i pugliesi a rendersi pericolosi con un sinistro di Gentsoglou servito da una sponda di De Luca. Anche nella ripresa i ritmi faticano ad accelerare con le due squadre attente a non scoprirsi. Al 22', arriva la svolta: Sabelli si inventa un gran tiro dalla distanza, palla che si infila all'incrocio imparabile per Rosati e vantaggio dei padroni di casa. E' la rete che decide il match e regala al Bari la settima vittoria casalinga, la squadra di Bisoli deve inchinarsi.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Giro d’Italia U23: a Rubio la quinta tappa. Williams indossa la maglia rosa

Il colombiano chiude davanti al nuovo leader della generale e al kazako Natarov. Lontani gli italiani: Caiati, il migliore, è sedicesimo. Mercoledì la sesta giornata su LaPresse dalle 17:00

ENG, UEFA CL, Manchester City vs FC Liverpool

Da Guardiola 150mila euro per riparare la nave di Proactiva Open Arms

Un gesto importante per sostenere la ong catalana che si occupa di primo soccorso e salvataggi in mare

Calcio a 5, finali scudetto: l'Acqua&Sapone è campione d'Italia

Per gli abruzzesi è il primo tricolore. Battuta, dopo cinque partite e una serie intensissima, la Luparense detentrice del titolo. Sesto scudetto per Edgar Bertoni, che raggiunge Humberto Honorio, capitano dei veneti

Astori, secondo la nuova perizia il giocatore non è morto nel sonno, è stata 'tachiaritmia'

Forse il capitano della Fiorentina si sarebbe salvato se avesse condiviso la camera con qualcuno che poteva dare l'allarme