Martedì 05 Gennaio 2016 - 08:35

Bari, minaccia di morte la moglie con un fucile da caccia: arrestato

IMG

Bari, 5 gen. (LaPresse) - In una lite minaccia di morte la moglie puntandole contro un fucile da caccia. È quanto accaduto l'altra sera a Triggiano (Bari), dove i carabinieri hanno arrestato un pregiudicato 42enne con le accuse di detenzione illegale di armi da sparo clandestine e minaccia aggravata. La donna, trovata in casa al momento dell'arrivo dei militari visibilmente scossa, ha raccontato loro di essere stata minacciata di morte dal marito, che le ha puntato contro un fucile da caccia, per poi fuggire di casa quando ha capito che i carabinieri sarebbero arrivati da lì a poco. I militari lo hanno rintracciato in una via del centro abitato.

Sotto un'autovettura in sosta, nel luogo in cui l'uomo è stato bloccato, è stata trovata una busta contenente un fucile da caccia calibro 12, di fabbricazione belga, con matricola abrasa, oltre a una trentina di cartucce. Inevitabile, a questo punto, l'arresto per l'uomo, per il quale la Procura della Repubblica di Bari ha disposto il trasferimento in carcere. Sull'arma, sequestrata insieme alle cartucce, verranno eseguiti accertamenti dalla sezione investigazioni scientifiche dei carabinieri, finalizzati ad accertarne la provenienza e per verificarne l'eventuale uso in altri delitti avvenuti nella zona negli ultimi tempi.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Prof bullizzato a Lucca: perquisita casa dei 6 15enni indagati

Il consiglio di classe ha poi proposto la bocciatura di cinque studenti

Giallo a Udine: coppia di anziani trovata morta in canale di irrigazione

Al vaglio anche l'ipotesi di omicidio suicidio: la moglie da tempo era costretta su una sedia a rotelle

Ambulanze a Milano

Massa Carrara, incidente dopo la serata: 4 ragazzi morti, 1 ferito

L'auto ha sbandato finendo contro una cancellata. I cinque giovani tornavano a casa dopo una notte passata in un locale della zona

Trattativa Stato-mafia, dopo 5 anni di processo arriva la sentenza

Stato-mafia, M5S: "Giornata storica". Berlusconi e Fi pronti a querelare pm

Una sentenza che fa discutere e che rende ancora più aspri i toni dello scontro politico