Martedì 15 Marzo 2016 - 07:15

Bari, colpo al clan Parisi: arrestate dalla Polizia 23 persone

350 poliziotti e unità cinofile per dare esecuzione alle ordinanze di custodia cautelare emessa dal Gip di Bari su richiesta della Dda pugliese

Blitz della polizia a Bari

 Circa 350 uomini e diverse unità cinofile ed aeree sono impegnate da questa mattina in una vasta operazione della Polizia di Stato impegnata ad eseguire ordinanze di custodia cautelare per 23 persone considerate vicine al clan Parisi.  L'ordinanza è stata emessa dal gip del Tribunale di Bari su richiesta della Dda.   Le indagini, avviate dalla Squadra Mobile nel marzo del 2011, hanno consentito di documentare l’attività criminale del clan mafioso, operativo a Bari e in alcuni comuni della provincia, attraverso un controllo capillare e sistematico del territorio, dove gestisce in una condizione di monopolio numerose attività illecite.   Ulteriori dettagli nel corso dell’incontro con la stampa che si terrà oggi, alle ore 11.15, presso la sala conferenze del Centro Polifunzionale della Polizia di Stato di a Bari.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

A hashtag is displayed inside Amazon's Black Friday pop-up space in London

Amazon, black friday a rischio: sciopero 4mila dipendenti a Piacenza

I lavoratori chiedono un miglior trattamento economico. Braccia incrociate da venerdì mattina alla stessa ora di sabato

Funerale Totò Riina a Corleone

Facebook chiede scusa ai Riina: condoglianze rimosse per errore

Dopo la morte del boss sui social erano arrivati post che facevano riferimento al suo spessore criminale

I funerali di Noemi Durini, la sedicenne uccisa dal proprio ragazzo

Femminicidio, 'fenomeno allarmante'. Italiani tre quarti degli assassini

I dati presentati in Commissione dal ministro della Giustizia Orlando. E la maggior parte avvengono tra persone che avevano o hanno un legame affettivo

Camera dei Deputati. Voto finale sul DL Vaccini

Vaccini obbligatori, la Consulta respinge i ricorsi del Veneto: "Decreto legittimo"

Sul giudizio della Consulta pesa il calo della copertura: "Giusto, quindi, passare dalla persuasione all'obbligo"