Lunedì 23 Ottobre 2017 - 19:15

Bankitalia, Di Maio: "Boschi aguzzina". Lei: "Pronta a confronto tv"

Anche Mpd contro il sottosegretario: "Non deve partecipare a Cdm"

Roma, Terza Conferenza nazionale sulla famiglia

"Ora basta con le bugie: sono pronta a un dibattito televisivo con l'onorevole Di Maio sulla questione bancaria". Dopo giorni di silenzio, Maria Elena Boschi esce allo scoperto e replica dura alle ultime accuse espresse dal candidato premier del M5S che ha definito la sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio e l'ex premier Matteo Renzi "gli aguzzini dei correntisti bancari italiani".

Luigi Di Maio tira in ballo Banca Etruria, ma nel mirino c'è la mozione Pd contro Ignazio Visco e Banca d'Italia. "Ricapitolando: io non avevo e non ho nessuna banca, mio padre è stato mandato a casa come tutti, noi abbiamo salvato i correntisti. L'onorevole Di Maio, come spesso gli accade, parla di cose che non conosce o che più semplicemente non capisce", conclude l'ex ministra per le Riforme.

Intanto è partito il conto alla rovescia che poterà al Consiglio dei ministri del 27 ottobre, durante il quale dovrebbe uscire il nome del governatore di Bankitalia. E parte da Mdp l'attacco al sottosegretario Maria Elena Boschi. In una interrogazione parlamentare a Paolo Gentiloni, a firma di Arturo Scotto, si chiede che l'ex ministro non partecipi al Cdm di venerdì prossimo perché su Boschi "grava un pesante conflitto di interessi che non può essere più ignorato" considerato anche che le attività del padre Luigi, in qualità di ex vicepresidente di Banca Etruria, "sono state a lungo oggetto della vigilanza bancaria e finanziaria operata da Palazzo Koch".

Oggi inoltre è arrivata anche la critica di Luciano Violante, ex presidente della Camera, che con il suo partito non è stato tenero: "Si può benissimo criticare o cambiare il governatore della Banca centrale, ma non per mezzo di un atto parlamentare". Per l'ex presidente della Camera Luciano Violante, intervistato dal Corriere della Sera, "esistono limiti definiti dal senso dello Stato e dal rispetto delle istituzioni. Non è accettabile una sorta di relativismo istituzionale".

La riconferma di Ignazio Visco al soglio più alto di palazzo Koch sembra ormai quasi scontata, almeno per quanto riguarda il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che sul secondo incarico al governatore sembra più che mai convinto. Tentennamenti invece arrivano da palazzo Chigi, dove il premier Paolo Gentiloni, potrebbe anche optare per una 'nomina' soft o interna, consegnando al vicedirettore Fabio Panetta la guida di Banca d'Italia.

Una scelta per dare un colpo al cerchio e uno alla botte: mantenere calmi i mercati e accontentare il suo segretario di partito, Matteo Renzi. Inoltre questa scelta potrebbe salvare la faccia a Ignazio Visco, perché non si tratterebbe di una sfiducia nel lavoro fatto da Banca d'Italia in questi anni e soprattutto sul dossier banche. Non sarebbe della stessa idea il capo dello Stato che invece spinge per fare bene e in fretta, confermando Visco. 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Silvio Berlusconi ospite a Otto e Mezzo

Elezioni, Berlusconi: "Salvini premier? Lega a quattro punti di distanza da noi"

L'ex Cav: "Matteo non è un estremista e ha il forte desiderio di primeggiare, ma il leader sarà espresso dalla coalizione che avrà preso più voti"

Senato - Presentazione della relazione finale della commissione Antimafia

Mafia, Minniti: "Troppo silenzio in campagna elettorale. Rischio infiltrazioni"

La commissione bicamerale Antimafia presieduta da Rosy Bindi lancia l'allarme

Università Angelicum. Paolo Gentiloni incontra gli elettori

Embraco, Calenda sui fondi alla Slovacchia: 'Così non è mercato'

Intervista al ministro per "Upday for Samsung": "Delle buone intenzioni della Ue non me ne faccio niente. Verificare se sono stati usati per attrarre aziende

Messa in occasione dei 50 anni della Comunità di Sant'Egidio.

Ema, Tajani scrive a Juncker: "Chiesti tutti i dettagli dell'offerta olandese"

Necessari "per permettere al Parlamento di deliberare sulla questione in modo significativo e informato"