Lunedì 11 Luglio 2016 - 15:30

Bangladesh, stop al telepredicatore: forse ispirò la strage

Proibite le trasmissioni all'indiano Zakir Nak

Bangladesh, stop a canale del telepredicatore: forse ispirò la strage

Il governo del Bangladesh ha proibito le trasmissioni al telepredicatore indiano Zakir Naik, accusato di aver ispirato gli autori dell'attentato di venerdì 1 luglio, che ha provocato 28 morti di cui 9 italiani. Il ministero dell'Informazione del Bangladesh ha diffuso un'ordinanza per togliere il permesso alla sua emittente, Peace Tv, in "base alla decisione presa dall'esecutivo". Lo riferisce il giornale locale 'bdnews24'. "Peace Tv non è coerente con la società musulmana, con il Corano (...), la Costituzione del Bangladesh, la nostra cultura, costumi e riti", ha detto il ministro dell'Infomazione, Hasanul Haq Inu, giustificando la decisione. Lo stesso canale, che viene ritrasmesso in diversi Paesi da Dubai, era già stato vietato in India. Secondo quanto ricostruito da media locali, uno degli attentatori di Dacca, Roham Imtiaz, era un seguace del telepredicatore.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Oceano indiano, trovati rottami: si pensa al jet malese scomparso

Il missile che abbattè il volo MH17 fu lanciato da una brigata russa

La rivelazione del Joint Investigation Team che indaga sul caso dell'aereo della Malaysia Airlines

La figlia di M.L. King contro Bannon: "Mio padre fiero di Trump? Sarebbe molto preoccupato"

Bernice King non ha affatto apprezzato l'intervista dell'ex stratega del presidente alla Bbc

Car emissions figures

Germania, Amburgo è la prima città a imporre divieti a veicoli diesel

I veicoli che non rispettino gli standard di emissioni Euro 6 non potranno circolare in una zona di 580 metri della trafficata Max-Brauer-Allee

Georgia, prima donna di colore candidata come governatrice

Stacey Abrams ha vinto le primarie democratiche, a novembre le elezioni