Lunedì 26 Giugno 2017 - 16:00

Banche venete, Bankitalia: Stato potrebbe non perdere un centesimo

Panetta ha spiegato che nelle ultime settimane un gruppo di fondi aveva espresso interesse per gli istituti

Banche venete, Bankitalia: Stato potrebbe non perdere un centesimo

"Lo Stato potrebbe anche finire per non perderci un centesimo, e anche se ci perdesse sarebbe per un importo limitato". Così il capo della vigilanza della Banca d'Italia, Carmelo Barbagallo, nel corso di un briefing con la stampa sul salvataggio di Popolare di Vicenza e di Veneto Banca, precisando che il Tesoro potrebbe anche guadagnarci. Barbagallo ha spiegato che le attività che lo Stato dovrà liquidare sono pari a circa 11,7 miliardi di euro, di cui 10 miliardi di debiti netti e poco meno di 2 miliardi di attività finanziarie. Il vice direttore generale della Banca d'Italia, Fabio Panetta, ha spiegato che nelle ultime settimane un gruppo di fondi aveva espresso interesse per le banche venete, ma la loro offerta era stata respinta dalla Commisione Ue. Secondo Panetta l'operazione messa in atto dal governo ha rimosso elementi singificativi di "tensioni sistemiche".

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Crollo ponte Genova, il giorno dopo

Governo annuncia revoca concessioni ad Autostrade: titolo Atlantia a picco

I mercati puniscono la società controllante di Autostrade per l'Italia che fa capo alla famiglia Benetton. La replica: "Provvedimento senza una contestazione specifica"

TURKEY-ECONOMY-CURRENCY

Lira turca in bilico, Erdogan: "Boicotteremo prodotti elettronici Usa"

Dopo la ripresa e il sospiro di sollievo dei mercati, il nuovo annuncio rischia di riaffossare la moneta

Vertice tra i 'big' del governo: "Impegno su debito". Scende lo spread

Telefonata tra Conte, Di Maio, Salvini e Tria. Il differenziale Btp-Bund in calo dopo aver toccato quota 278 punti base

US-ENGLAND-ART

Tensione sui prezzi a luglio. L'inflazione sale all'1,5%

Un aumento dello 0,2% su base annua. Crescono alcuni bene di consumo. Meno i servizi