Giovedì 18 Febbraio 2016 - 13:30

Banche, Dijsselbloem: Stanno meglio, ma resta problema sofferenze

Dijsselbloem ha osservato inoltre, a proposito degli Stati Uniti, che la crescita "si avvicina" ai livelli europei "e ora sta andando verso il basso"

Jeroen Dijsselbloem

Le banche europee stanno "molto meglio" rispetto a qualche anno fa, ma ci sono ancora "questioni ereditate" dalla crisi come la grande quantità di crediti deteriorati, che devono essere gestiti, anche se "non esiste la bacchetta magica". Lo ha detto il presidente dell'Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, di fonte alla commissione Affari economici e finanziari del Parlamento Ue.

Il ministro delle finanze dei Paesi Bassi ha negato che le banche europee siano in condizioni "terribile" e ha anche sottolineato che l'agitazione che ha recentemente pesato sugli istituti di credito in Borsa dipende dal fatto che "spesso non siamo d'accordo con i mercati e questi spesso non sono d'accordo nemmeno con se stessi". Dijsselbloem ha osservato inoltre, a proposito degli Stati Uniti, che la crescita "si avvicina" ai livelli europei "e ora sta andando verso il basso", mentre la zona euro sta andando "gradualmente in su". "Siamo nella giusta direzione", ha precisato.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ultimo elettrizzante appuntamento con la Porsche Carrera Cup Italia 2017

All’Autodromo di Monza due emozionanti giornate di gare in diretta su Eurosport 2 e DMAX

Mp & Silva, Seamus O'Brien nominato Presidente e CEO del gruppo

La media company leader nella distribuzione di diritti sportivi a livello globale annuncia nuove nomine

Il Governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco al Meeting di CL Comunione e Liberazione

Bankitalia, per Visco più vicina la riconferma

Difficile che Mattarella e Gentiloni vogliano darla vinta a Renzi nominando un nuovo inquilino di via Nazionale

Crisi Alitalia - Aerei Alitalia atterrano e decollano dall'aeroporto di Fiumicino

Alitalia chiede nuova cassa integrazione per 1.800 dipendenti

Coinvolti 100 comandanti, 90 piloti, 380 assistenti di volo e 1.230 personale di terra