Venerdì 17 Marzo 2017 - 22:00

Banca Popolare di Vicenza chiede il salvataggio dello Stato

L'istituto ha manifestato l'intenzione di accedere alla ricapitalizzazione precauzionale

Banca Popolare di Vicenza chiede aiuto allo Stato

La Banca Popolare di Vicenza ha comunicato a Banca d'Italia, Mef e Bce l'intenzione di di accedere al sostegno finanziario straordinario e temporaneo da parte dello Stato italiano (la cosiddetta "ricapitalizzazione precauzionale") nell'ambito delle modalità di reperimento dei capitali necessari a implementare la ricapitalizzazione che il nuovo Piano industriale fissa nel 2017. Lo si apprende da una nota dell'istituto di credito.

Ad oggi, l'offerta transattiva rivolta agli azionisti della Popolare di Vicenza ha ricevuto 65.505 manifestazioni di interesse (pari al 68,8% delle azioni oggetto del perimetro) a fronte delle quali sono stati già sottoscritti 52.865 accordi transattivi (pari al 49,6% delle azioni in perimetro). L'iniziativa, presentata lo scorso 9 gennaio, prevede un riconoscimento economico pari a 9 euro per ogni azione acquistata tramite una banca del gruppo dal 1° gennaio 2007 al 31 dicembre 2016, al netto delle vendite. Un riconoscimento che sarà erogato a fronte della rinuncia dell'azionista a qualsiasi pretesa in relazione all'investimento. Per il successo e la validità dell'offerta di transazione è necessaria un'adesione corrispondente ad almeno l'80% delle azioni, ma tale condizione è rinunciabile dalla banca.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Accordo di libero scambio Ue-Giappone. Tusk: "Messaggio contro protezionismo"

La storica intesa permetterà all'85% dei prodotti agroalimentari europei di entrare nel Paese senza dazi doganali

Camp Jeep 2018: alla scoperta della nuova Wrangler

Fca, a giugno immatricolate 104.100 auto in Europa: Jeep +72,1%

Ottimi risultati anche per l'Alfa Romeo con i suoi modelli di punta Stelvio e Giulia

CHINA-EU-SUMMIT-DIPLOMACY

Dazi, summit Ue-Cina a Pechino: "Evitare conflitti, Wto da riformare"

Il governo cinese, intanto, ricorre all'Organizzazione mondiale del commercio contro la minaccia di tariffe pari a 200 miliardi avanzata dagli Stati Uniti

Presentazione del XVI Rapporto annuale dell’INPS

Dl dignità, governo contro Boeri. Lui ribatte: "I dati non si fanno intimidire"

Il ministro del Lavoro si era scagliato contro le lobby che avrebbero modificato la relazione tecnica sul decreto