Giovedì 28 Aprile 2016 - 16:15

Bambina transgender simbolo contro legge Nord Carolina

Lo Stato americano imporrebbe alla bimba di usare il bagno degli uomini

Bambina transgender simbolo protesta contro legge Nord Carolina

"Se fosse vostra figlia, vi sentireste a vostro agio a mandarla in un bagno degli uomini?”. Lo scrive in un post la fotografa Meg Bitton che ha condiviso sulla sua pagina Facebook la foto di una bambina transgender, Corey Maison, per sensibilizzare sulla legge della Carolina del Nord. Lo Stato americano ha di recente approvato una misura che impone limiti all'uso dei bagni pubblici da parte dei transessuali: il loro utilizzo sarà dettato dal sesso registrato sui certificati di nascita. Migliaia sono stati sul social network le condivisioni, i 'mi piace' e i commenti. Corey, spiega la fotografa, è nata con anatomia maschile ma si identifica come femmina. Con la nuova legge sarebbe costretta a usare il bagno degli uomini. "Siate corretti. Siate gentili. Siate empatici. Trattate gli altri come vorreste essere trattati voi", scrive Bitton. “I'm Corey, just an ordinary girl”, “sono Corey, solo una ragazza normale”, si legge invece sulla pagina Facebook della ragazza, che ha anche un profilo Youtube.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Bruxelles, Mark Zuckerberg al parlamento europeo

Facebook, Zuckerberg si scusa all'Ue. "No ingerenze in future elezioni"

Il fondatore del social network al Parlamento europeo. Tajani: "Monitoreremo"

Donald Trump riceve il presidente sudcoreano Moon Jae-in alla Casa Bianca

Nord Corea, Trump: "Possibile un rinvio del vertice con Kim"

L'incontro tra il presidente Usa e il leader nordcoreano è fissato per il 12 giugno a Singapore

Usa, il senato conferma Gina Haspel come direttore della CIA

Dazi, dopo la pace con gli Usa la Cina taglia tariffe su import auto

E intanto si avvicina la data in cui anche l'Unione Europea saprà la decisione di Trump

Siria, sette anni di guerra civile

Iraq, jihadista belga condannato a morte per appartenenza all'Isis

Nella prima udienza presso il tribunale di Baghdad si era dichiarato innocente