Giovedì 28 Aprile 2016 - 16:15

Bambina transgender simbolo contro legge Nord Carolina

Lo Stato americano imporrebbe alla bimba di usare il bagno degli uomini

Bambina transgender simbolo protesta contro legge Nord Carolina

"Se fosse vostra figlia, vi sentireste a vostro agio a mandarla in un bagno degli uomini?”. Lo scrive in un post la fotografa Meg Bitton che ha condiviso sulla sua pagina Facebook la foto di una bambina transgender, Corey Maison, per sensibilizzare sulla legge della Carolina del Nord. Lo Stato americano ha di recente approvato una misura che impone limiti all'uso dei bagni pubblici da parte dei transessuali: il loro utilizzo sarà dettato dal sesso registrato sui certificati di nascita. Migliaia sono stati sul social network le condivisioni, i 'mi piace' e i commenti. Corey, spiega la fotografa, è nata con anatomia maschile ma si identifica come femmina. Con la nuova legge sarebbe costretta a usare il bagno degli uomini. "Siate corretti. Siate gentili. Siate empatici. Trattate gli altri come vorreste essere trattati voi", scrive Bitton. “I'm Corey, just an ordinary girl”, “sono Corey, solo una ragazza normale”, si legge invece sulla pagina Facebook della ragazza, che ha anche un profilo Youtube.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

L'aeroporto di Amsterdam circondato dai media e dalla curiosita' della gente dopo l'incidente aereo di ieri

Amsterdam uomo con coltello all'aeroporto. Colpito dalla polizia

La persona agitava l'arma contro le persone. Gli hanno sparato. Zona interdetta

Gerusalemme capitale, ancora proteste in tutto il mondo musulmano

Gerusalemme, 2 palestinesi morti e oltre 100 feriti nelle proteste

La prima "giornata della rabbia". Le vittime sono due uomini. Hamas invita ad assediare le ambasciate Usa nel mondo

Migranti, affondato un barcone al largo delle coste libiche

Migranti, Gentiloni attacca: "Inaccettabile indisponibilità di alcuni Paesi"

Il premier al vertice Ue di Bruxelles: "Le regole non sono optional". Unicef: "400 bambini annegati nel Mediterraneo nel 2017"