Martedì 08 Agosto 2017 - 14:00

Balotelli attacca: Non andavo a 200 all'ora, in Italia invidiosi

"Si sta bene in Francia". Poi l'invettiva alla stampa nostrana: "Fate schifo"

Balotelli attacca dopo la multa: Non andavo a 200 all'ora, in Italia invidiosi

"Siccome a 200 all'ora in autostrada si va sul penale, non è vero". Mario Balotelli in un video postato poco fa sul suo profilo ufficiale Instagram espone la sua versione sulla vicenda che lo ha visto protagonista sabato, quando è stato fermato in autostrada per eccesso di velocità a bordo di una Ferrari. "Sarò sicuramente stato segnalato da persone ovviamente gelose, forse della macchina", ha aggiunto Super Mario. Balotelli ha poi ammesso che "il controllo è stato un controllo normale e sono andato via tranquillamente". Quindi l'invettiva alla stampa italiana "che fa schifo". "L'Italia non cambia purtroppo, si sta bene in Francia", ha concluso Balotelli mentre nel sottofondo si sente il potente rombo dell'automobile su cui viaggiava.

 

Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Giro d’Italia U23: a Rubio la quinta tappa. Williams indossa la maglia rosa

Il colombiano chiude davanti al nuovo leader della generale e al kazako Natarov. Lontani gli italiani: Caiati, il migliore, è sedicesimo. Mercoledì la sesta giornata su LaPresse dalle 17:00

ENG, UEFA CL, Manchester City vs FC Liverpool

Da Guardiola 150mila euro per riparare la nave di Proactiva Open Arms

Un gesto importante per sostenere la ong catalana che si occupa di primo soccorso e salvataggi in mare

Calcio a 5, finali scudetto: l'Acqua&Sapone è campione d'Italia

Per gli abruzzesi è il primo tricolore. Battuta, dopo cinque partite e una serie intensissima, la Luparense detentrice del titolo. Sesto scudetto per Edgar Bertoni, che raggiunge Humberto Honorio, capitano dei veneti

Astori, secondo la nuova perizia il giocatore non è morto nel sonno, è stata 'tachiaritmia'

Forse il capitano della Fiorentina si sarebbe salvato se avesse condiviso la camera con qualcuno che poteva dare l'allarme