Lunedì 26 Giugno 2017 - 01:15

Ballottaggi, crolla affluenza: 46,3%. Trapani commissariata

Al voto 4 milioni di italiani in 111 comuni

Crolla l'affluenza, come era prevedibile causa soprattutto il caldo, per il turno di ballottaggio nei 103 comuni chiamati a rinnovare i sindaci delle proprie città. Il dato si attesta, escluse le regioni a statuto speciale di Friuli Venezia Giulia e Sicilia (che contano 8 città), al 46,3%, un tonfo di quasi 10 punti rispetto al primo turno quando erano andati a votare il l 60,07% degli aventi diritto. Commissariata Trapani che con l'affluenza al 26,75% non raggiunge il quorum del 50% più uno, lasciando alla Regione  il compito di scegliere un commissario. La città con più votanti è stata Padova con il 57,03%, l'11 giugno, nel primo turno, allo stesso orario, si era attestata al  60,77 %. Segue L'Aquila con 52,06% (l'11 giugno  al 67,77%), Carrara con il 49,04% (l'11 giugno al 58,23%); a Parma con il 45,18% (l'11 giugno al 53,65%); a Monza con il 45,79% (l'11 giugno al 51,88%), a Taranto con il 32,87% (l''11 giugno al 58,51%);  a Asti con il 41,70% (l'11 giugno al 57,49%).

Una tendenza che si era già manifestata nella prima rilevazione del Viminale alle 12 quando il dato si era attestato al 14,90% mentre l'11 giugno era arrivato al 18,65%. La flessione più evidente è alle 19 con il 31,40 % di votanti, 9 punti percentuali in meno rispetto al primo turno, 40,66%. La più bassa affluenza registrata tra le città sotto la lente di ingrandimento è stata quella di Trapani: 16,69%, mentre l'11 giugno allo stesso orario, si era attestata al 41,78%. Si va nel capoluogo siciliano infatti verso il commissariamento. Unico candidato, Piero Savona, del Partito Democratico, dopo che lo sfidante di centrodestra Mimmo Fazio è stato escluso dal secondo turno per non avere volontariamente designato gli assessori. Nel caso in cui non si dovesse raggiungere il quorum del 50% più uno degli aventi diritto, sarà la Regione a designare un commissario. Per essere eletto inoltre il candidato del Pd dovrà ottenere almeno il 25% delle preferenze degli aventi diritto. Bassa l'affluenza anche a Taranto 19,16% (l'11 giugno era stata del 38,26%). A Padova si ferma al 28,56% (l'11 giugno al 40,42%); 29,51% a Verona (11 giugno al 38,74%); Catanzaro al 30,52% (l'11 giugno al 54,41%); a Genova al 30,94% (l'11 giugno al 36,82 %); L'Alquila al 32,76% (l'11 giugno al 47,10%); Carrara al 35,18% (l'11 giugno al 39,75); al Padova al 43,15% (l'11 giugno al 45,05%).

Le urne si sono aperte alle 7 e fino alle 23 in 111 comuni di cui 22 capoluogo di regione e di provincia. Al voto sono andati oltre 4 milioni di cittadini aventi diritto, per un totale, se si considera il primo turno dell'11 giugno di 9.172.026.

Scritto da 
  • Donatella Di Nitto
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Prete paragona Bonino a Riina, lei replica: "Ha insultato Parlamento e metà Paese"

Don Pieri su Facebook aveva attaccato l'esponente Radicale per il suo impegno per la legge sull'aborto

Ostia, chiusura campagna elettorale ballottaggio per presidente municipio

Ostia, Giuliana Di Pillo (M5S) è la nuova minisindaca (59,6%). Centrodestra sconfitto

L'affluenza alle urne è stata del 33,6%. Battuta Monica Picca: "Ha vinto con i voti di Casa Pound"

Ostia, chiusura campagna elettorale ballottaggio per presidente municipio

Ostia, Giuliana Di Pillo (M5S) è il nuovo minisindaco con il 59% dei voti

Sconfitta, al ballottaggio, Monica Picca, candidata del centrodestra. Ha votato il 33,6 dei 185mila aventi diritto

Ballottaggio elezioni Ostia

Ostia, Giuliana Di Pillo (M5S) è la nuova minisindaca con il 59,6%. Sconfitto il centrodestra

L'affluenza alle urne è stata del 33,6%. Netta sconfitta per Monica Picca (centrodestra) ferma al 40,4%