Giovedì 30 Novembre 2017 - 13:30

Avio vince contratti per 89,7 milioni con Agenzia Spaziale Europea

L'azienda italiana svilupperà il lanciatore "Vega E" e il veicolo di rientro "Space Raider"

Avio ha firmato oggi a Parigi con Esa, l'Agenzia Spaziale Europea, due contratti per lo sviluppo del lanciatore "Vega "E e del veicolo di rientro "Space Rider". Lo annuncia una nota. I contratti hanno un valore complessivo di 89,7 milioni di euro.

Il primo contratto riguarda le attività di sviluppo del lanciatore Vega E (Vega Evolution), progetto europeo in cui Avio è capofila di una decina di aziende. Il valore del contratto per questa attività è di 53 milioni. Il secondo contratto, invece, firmato da Esa con Avio e Tas-I (Thales Alenia Space Italia), del valore complessivo di 36,7 milioni, riguarda nello specifico lo sviluppo del sistema Space Rider.

L'a.d. di Avio, Giulio Ranzo, ha commentato: "La firma di questi importanti contratti, in un anno fondamentale per la nostra crescita, culminato con la quotazione in Borsa, rafforza la posizione di Avio come player di riferimento nel mercato dei lanciatori spaziali. I recenti successi di Ariane 5 e di Vega, che poche settimane fa ha registrato il record di 11 voli consecutivi di successo, il contratto di sviluppo di Vega C, oramai in fase avanzata con i test dei motori P120 e Zefiro 40, confermano, tra l'altro, le grandi competenze e l'affidabilità della nostra azienda e dei principali partner europei nel mercato mondiale dello spazio".

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Accordo di libero scambio Ue-Giappone. Tusk: "Messaggio contro protezionismo"

La storica intesa permetterà all'85% dei prodotti agroalimentari europei di entrare nel Paese senza dazi doganali

Camp Jeep 2018: alla scoperta della nuova Wrangler

Fca, a giugno immatricolate 104.100 auto in Europa: Jeep +72,1%

Ottimi risultati anche per l'Alfa Romeo con i suoi modelli di punta Stelvio e Giulia

CHINA-EU-SUMMIT-DIPLOMACY

Dazi, summit Ue-Cina a Pechino: "Evitare conflitti, Wto da riformare"

Il governo cinese, intanto, ricorre all'Organizzazione mondiale del commercio contro la minaccia di tariffe pari a 200 miliardi avanzata dagli Stati Uniti

Presentazione del XVI Rapporto annuale dell’INPS

Dl dignità, governo contro Boeri. Lui ribatte: "I dati non si fanno intimidire"

Il ministro del Lavoro si era scagliato contro le lobby che avrebbero modificato la relazione tecnica sul decreto