Martedì 21 Febbraio 2017 - 17:45

Avetrana, su 'Giallo' in esclusiva il diario di Sarah Scazzi

Oggi la Cassazione ha confermato l'ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano

Avetrana, su 'Giallo' in esclusiva il diario di Sarah Scazzi

Dopo la sentenza della Cassazione che ha confermato l'ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano e otto anni di reclusione per Michele Misseri, il settimanale di Cairo Editore 'GIALLO', diretto da Andrea Biavardi, pubblica in esclusiva le sconvolgenti pagine del diario di scuola di Sarah Scazzi. Sarah aveva previsto il suo tragico destino, scrisse un tema su un delitto in famiglia. Concetta Serrano, la mamma di Sarah Scazzi, dopo il delitto della figlia ha trovato il suo diario in un cassetto. In una pagina la ragazzina parlava di un omicidio: il colpevole veniva individuato dopo due anni, tra le mura domestiche. "In una famiglia avviene un terribile e misterioso omicidio. Qualcuno uccide una ragazza. Gli inquirenti sospettano una persona. Poi, due anni dopo, si scopre la verità: a uccidere la ragazza è stato suo padre che viene arrestato e confessa il delitto", è il contenuto di uno dei temi scritto da Sarah Scazzi prima di essere strangolata e gettata in un pozzo di Avetrana (Taranto). Parole che sembrano una sorta di tragica premonizione della ragazzina.

Scritto da 
  • redazione
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Cyber attack warning

Cyberspionaggio, condannati a 4 e 5 anni i fratelli Occhionero

Sono accusati di aver infettato migliaia di pc entrando in possesso di password appartenenti a personaggi di ministeri e istituzioni

Oltre 1000 migranti salvati oggi dalle navi della Marina Militare

Si tuffano dal barcone per raggiungere soccorsi: dispersi 4 migranti. Fermati gli scafisti

Fermo per undici persone dopo lo sbarco a Pozzallo. E Salvini torna all'attacco: "Due navi di ong in mare, porti italiani li vedranno in cartolina"

Stupro, "No aggravante se vittima si è ubriacata volutamente": polemiche sulla sentenza della Cassazione

Secondo i giudici, è applicabile solo se i responsabili hanno costretto la persona abusata a bere