Venerdì 20 Gennaio 2017 - 09:45

Auto contro pedoni a Melbourne, panico durante l'Australian Open

Il bilancio è di tre morti e oltre 15 feriti

Auto si lancia contro pedoni a Melbourne, panico durante l'Australian Open

Un uomo ha deliberatamente guidato la sua auto contro dei pedoni a Melbourne, la seconda città più grande dell'Australia, che al momento ospita il Grande slam degli Australian Open di tennis ed è piena di migliaia di turisti, solo a pochi isolati da dove è avvenuto l'incidente. Il bilancio è di tre morti e oltre 15 feriti, ma la polizia ha fatto sapere che non si tratta di un episodio legato al terrorismo. La polizia spiega di avere fermato la macchina e sparato al conducente 26enne al braccio, prima di trascinarlo fuori dal veicolo e arrestarlo. L'uomo ha un passato di violenze familiari ed era ricercato per un accoltellamento avvenuto il giorno prima. Inseguito dalle auto della polizia, era stato visto guidare come se vagasse e a un certo punto ha accelerato entrando in una zona pedonale, lanciandosi appunto deliberatamente sulla folla. La polizia ha fatto sapere che il torneo continua normalmente.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Tunisia.Rifugiati libici

Libia, 100 migranti chiusi in un tir: sei bimbi e due adulti morti soffocati

Le vittime, secondo quanto riportano le autorità libiche, sono morte a causa dei fumi della benzina

Thailandia, Musk attacca sub: "Pedofilo". Lui pronto a fare causa

Le accuse dell'ad di Tesla dopo che il sommozzatore ha bocciato la sua offerta di fornire un sottomarino in miniatura per estrarre i calciatori

SUMMIT G8 - IL PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI  BILL CLINTON STRINGE LA MANO A VLADIMIR PUTIN

Un leader russo, quattro presidenti Usa: Putin e i rapporti con Washington

Relazioni altalenanti nel bene e nel male, ma mai rapporti duraturi. Ecco i precedenti e la situazione attuale con Trump

Summit a Helsinki, Putin: "No interferenze in elezioni Usa". Trump: "Russiagate è una farsa"

Storico vertice nel palazzo presidenziale. Dal Russiagate alla Siria: tanti i nodi da sciogliere