Mercoledì 16 Marzo 2016 - 08:45

Auto, Acea: A febbraio immatricolazioni in Europa +14.3%

Fca in Europa a febbraio cresce del 22.4%: quota sale al 7.4%

Auto, Acea: A febbraio immatricolazioni in Europa +14.3%

Stando ai dati diffusi dall'Acea, a febbraio le vendite di auto in Europa sono cresciute per il 30esimo mese consecutivo, registrano una crescita del +14,3% rispetto al 2015 salendo a quota 1.056.902. La crescita nei primi due mesi è stata del 10,1% a quota 2.118.273.

Il mercato italiano, tra qulli europei è stato il più brillante, registrando una crescita del +27,3% a febbraio, più del doppio di Francia (+13%), Spagna (+12,6%) e Germania (+12%). Sui due mesi del 2015, Italia leader a +22,6%, quasi doppiata la Spagna (+12,4%), poi Francia (+8,7%), Germania (+7,8%) e Regno Unito (+4,7%).

Stando ai dati diffusi dall'Acea stamane, relativi ai Paesi Ue ed Efta, a febbraio Fca si conferma il quarto gruppo automobilistico europeo con una quota che sale al 7,4% dal 6,9% di un anno fa, per un totale di 80.963 auto vendute (+22,4%), nei primi due mesi la quota è stata pari al 7% dal 6,5% del 2015, per un totale di 153.645 auto vendute (+18,5%).
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Crollo ponte Genova, il giorno dopo

Governo annuncia revoca concessioni ad Autostrade: titolo Atlantia a picco

I mercati puniscono la società controllante di Autostrade per l'Italia che fa capo alla famiglia Benetton. La replica: "Provvedimento senza una contestazione specifica"

TURKEY-ECONOMY-CURRENCY

Lira turca in bilico, Erdogan: "Boicotteremo prodotti elettronici Usa"

Dopo la ripresa e il sospiro di sollievo dei mercati, il nuovo annuncio rischia di riaffossare la moneta

Vertice tra i 'big' del governo: "Impegno su debito". Scende lo spread

Telefonata tra Conte, Di Maio, Salvini e Tria. Il differenziale Btp-Bund in calo dopo aver toccato quota 278 punti base

US-ENGLAND-ART

Tensione sui prezzi a luglio. L'inflazione sale all'1,5%

Un aumento dello 0,2% su base annua. Crescono alcuni bene di consumo. Meno i servizi