Lunedì 09 Maggio 2016 - 15:00

Austria, si dimette cancelliere Faymann dopo successo destra

Già nella bufera per la barriera al Brennero sostituisce il conservatore Mitterlehner nominato ad interim

Austria, cancelliere Faymann annuncia sue dimissioni

Il cancelliere austriaco Werner Faymann ha annunciato le sue dimissioni. Lo riportano i media locali secondo cui Faymann si è dimesso anche da leader del partito socialdemocratico dopo la sconfitta alle elezioni presidenziali.

Già nella bufera già per la linea dura su migranti e barriera al passo del Brennero nei giorni scorsi Faymann aveva ricevuto pressioni da parte dei sindacati e dall'ala giovanile del partito, l'Spo, per le sue posizioni sulle leggi in materia di asilo e per la sconfitta del partito durante le presidenziali di due settimane fa in cui ha trionfato l'ultranazionalista Norbert Hofer. "Avere la maggioranza del partito non è sufficiente", ha fatto sapere il portavoce di Faymann citando lo stesso cancelliere durante una conferenza stampa convocata in fretta.

 Il vice cancelliere austriaco, il conservatore, Reinhold Mitterlehner, sarà nominato cancelliere ad interim dopo le dimissioni del socialdemocratico Werner Faymann. Lo ha reso noto la presidenza della Repubblica austriaca.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Migranti, affondato un barcone al largo delle coste libiche

Migranti, Gentiloni attacca: "Inaccettabile indisponibilità di alcuni Paesi"

Il premier al vertice Ue di Bruxelles: "Le regole non sono optional". Unicef: "400 bambini annegati nel Mediterraneo nel 2017"

Olanda, accoltellamento a Maastricht: almeno due morti

Diverse persone ferite nella città al confine tra Belgio e Olanda. Non si sa se si tratta di terrorismo

Francia, treno travolge scuolabus vicino a Perpignan

Francia, scontro treno-scuolabus vicino Perpignan: morti quattro adolescenti

Il pullman che trasportava i ragazzini dal liceo di Millas spaccato a metà nell'impatto, come feriscono alcuni testimoni

Campagna di Russia

La ritirata di Russia 75 anni fa: 100mila soldati non tornarono

"Solo a piedi, sempre a piedi, con un freddo terribile", ricorda ancora oggi l'allora giovane sottotenente della divisione Ravenna Guido Placido