Martedì 25 Ottobre 2016 - 10:00

Australia, 4 morti in luna park: incidente su giostra

Si sarebbe verificato un incidente sull'attrazione Thunder Rapids

 Australia, 4 morti in parco divertimenti: incidente su attrazione

Quattro persone sono morte nel celebre parco divertimenti australiano di Dreamworld sulla Gold Coast del Queensland. Lo ha riferito la polizia locale su Twitter. Sembra che si sia verificato un incidente sull'attrazione Thunder Rapids. Le 4 persone decedute sono tutte adulte.
 

ue delle vittime sono state sbalzate fuori dalla giostra, mentre le altre due sono rimaste intrappolate all'interno. "Siamo profondamente scioccati", ha detto Craig Davidson, uno dei responsabili di Dreamworld, che ha già annunciato la stretta collaborazione con le forze dell'ordine per fare luce sull'accaduto. La tragedia di oggi si colloca tra i più gravi incidenti avvenuti nei parchi divertimenti in tutto il mondo: nel 1984 otto teenager morirono al Six Flags Great Adventure, nel New Jersey, mentre nel 2010 sei persone rimasero uccise nel lancio simulato di un razzo a Shenzen, in Cina. Andando più indietro nel tempo, nel 1972 nel Battersea Park in Gran Bretagna cinque bambini rimasero vittime del malfunzionamento di una giostra.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

'Ndrangheta, 14 arresti: fermato anche sindaco Bova Marina

'Ndrangheta, 14 arresti: fermato anche sindaco Bova Marina

Maxi blitz dei carabinieri di Reggio Calabria

Papa avverte: Oggi mancano leader, ma l'Europa ne ha bisogno

Papa: Oggi mancano leader, ma l'Europa ne ha bisogno

Il Pontefice contro l'ipocrisia dei governi: "Diciamo 'Mai più guerra' ma intanto fabbrichiamo armi"

Istat, il 28,7% dei residenti in Italia è a rischio povertà

Istat, il 28,7% dei residenti in Italia è a rischio povertà

Cresce anche il divario tra le famiglie ricche e quelle povere

Saronno, collega dell'infermiera: Sono sotto choc

Saronno, collega dell'infermiera 'killer': Sono sotto choc

"Non ho mai sentito parlare del metodo Cazzaniga"