Martedì 12 Dicembre 2017 - 13:45

Attraversano al passaggio a livello, travolti due anziani a Cesano Maderno

Marito e moglie di 78 e 75 anni. Le sbarre erano abbassate. Forse lui ha perso il cappello e lei si è chinata a raccoglierlo mentre arrivava il treno

Trenord, deraglia un treno nei pressi della stazione di Pioltello

Due anziani pensionati, marito e moglie di 78 e 75 anni, sono morti travolti dal treno al passaggio a livello della vecchia stazione di Cesano Maderno, in provincia di Monza e Brianza. La tragedia è accaduta questa mattina intorno alle 10 e 30. Il passaggio a livello era chiuso in attesa del transito del treno Seveso-Milano Bovisa delle Ferrovie Milano Nord. I due coniugi (sono stati identificatio, ma i nomi non sono ancora stati resi noti), che abitavano poco lontano dalla stazione, hanno fatto ciò che, probabilmente, facevano spesso: hanno provato ad attraversare i binari nonostante il passaggio a livello fosse chiuso. L'abitudine di molte persone dipende dal fatto che, per prudenza, le sbarre vengono abbassate molto prima del passaggio dei convogli e, spesso, si devono attendere anche dieci/venti minuti. Così, chi abita nella zona e deve attraversare i binari abbastanza spesso, lo fa anche a sbarre abbassate fidandosi della propria esperienza.

Il barista del caffé lì vicino ha raccontato di aver visto i due coniugi che erano già arrivati a metà dell'attraversamento quando lei si è piegata in avanti come per raccogliere qualcosa. Sembra che l'uomo avesse perso il cappello e che la moglie si sia chinata per prenderlo. In quel momento si è sentito il fischio del treno e il disperato tentativo di frenata. Il barista è corso per soccorrere i due che respiravano ancora. Ma non c'è stato nulla da fare.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Grosseto, uomo spara in strada a Follonica dopo lite: un morto e 2 feriti

Monza, spara alla moglie per strada e poi si costituisce: la donna è morta

L'uomo è sceso dall'auto e ha esploso i colpi contro la 35enne che camminava in strada a Bovisio Masciago

Renato Vallanzasca si reca a lavoro presso la Neco srl di via Roma 1

Vallanzasca chiede libertà condizionale. Il carcere di Bollate: "È molto cambiato"

La richiesta del bandito della mala milanese, condannato a 4 ergastoli. L'equipe di osservazione e trattamento del penitenziario: "Concedetegliela"

Bergamo, truffa su impianti sciistici: ai domiciliari due sindaci

I primi cittadini di Foppolo e Valleve a capo di un sistema criminale costruito per percepire indebitamente contributi regionali

Milano, vermi nella marmellata alla mensa scolastica. Indignazione sul web

La denuncia dell'associazione Pranzo da casa su Facebook