Giovedì 09 Giugno 2016 - 12:45

Atti osceni in stazione: multa pesante per un 40enne a Perugia

L'uomo si è toccato i genitali e ha invitato una viaggiatrice ad appartarsi con lui

Atti osceni in stazione: multa pesante per un 40enne a Perugia

Sarà un 40enne italiano individuato dagli agenti della sezione polizia ferroviaria di Foligno (Perugia) e fermato all'interno dello scalo ferroviario cittadino a pagare una salata multa per atti osceni in luogo pubblico. Stando alla ricostruzione dei fatti il 40enne, persona già nota alle forze dell'ordine, mentre transitava in stazione si è toccato i genitali e ha invitato una viaggiatrice ad appartarsi con lui.

LEGGI ANCHE Vibo Valentia, atti osceni in spiaggia affollata da bambini: denunciato

La donna, visibilmente scossa e spaventata, ha trovato riparo negli uffici della polizia ferroviaria e ha raccontato quanto le era da poco accaduto ai poliziotti.
Gli agenti sono riusciti a rintracciare il ricercato e lo hanno accompagnato presso gli uffici di polizia. A suo carico è scattata una pesante multa per atti osceni in luogo pubblico.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

La polizia di Frontiera Francese continua i controlli alla stazione di Bardonecchia

Migranti, trovato cadavere al confine tra Italia e Francia

Il corpo rinvenuto a Bardonecchia, nei pressi del sentiero montano dell'orrido del Frejus

Roma, scritta BR sulla lapide di Via Fani

Roma, scritta 'Br' su monumento Martiri di via Fani: denunciato responsabile

È un romano di 47 anni incensurato, autista Ncc: il 22 marzo scorso la scritta con lo spray sulla lapide. Perquisita la sua abitazione

Nuvole e minime in aumento: il meteo del 25 e 26 maggio

Le previsioni dell'aeronautica militare

Marcello Forte visita la Casa Internazionale delle Donne a via della Lungara

Casa internazionale delle donne, Marcello Fonte: "Spazi come questo vanno difesi"

Il miglior attore a Cannes, insieme alle colleghe Trinca e Filippi, in supporto delle femministe a rischio sfratto dal Comune capitolino