Giovedì 14 Settembre 2017 - 15:45

Attentati a Nassirya, 50 morti e 80 feriti. L'Isis rivendica

Due attacchi contro un ristorante un posto di polizia nella città della strage della base italiana del 2003

Members of the Counter Terrorism Service help a displaced Iraqi old woman in the Old City of Mosul

È di 50 morti e oltre 80 feriti in Iraq il bilancio di due attacchi kamikaze che hanno colpito un ristorante e un posto di controllo della polizia lungo un'autostrada vicino a Nassiriya. Lo riferiscono fonti sanitarie e di polizia della città del Sud del Paese teatro del tragico attentato del 12 novembre del 2003 contro la base italiana dell'MSU che causò 28 vittime (nella foto i funerali) di cui 19 connazionali. Un attentatore suicida si è fatto saltare in aria con la cintura esplosiva vicino al ristorante, a sudovest di Nassiriya, mentre tre o quattro altri assalitori aprivano il fuoco sulle persone che si trovavano all'interno. Secondo fonti ospedaliere, fra gli uccisi ci sono almeno quattro cittadini iraniani.

Le azioni terroristiche sono state rivendicate dallo Stato Islamico. La rivendicazione è giunta tramite l'agenzia di stampa Amaq, legata all'Isis, e sostiene che sono stati uccisi "decine di sciiti".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Proteste in Zimbabwe

Zimbabwe, manifestanti anti-Mugabe marciano verso residenza presidente

Il nipote: "Lui e la moglie Grace sono pronti a morire per ciò che è giusto e non hanno intenzione di dimettersi"

The Argentine military submarine ARA San Juan and crew are seen leaving the port of Buenos Aires

Argentina, sottomarino militare scomparso da 2 giorni nell'Atlantico: ricerche in corso

A bordo 44 membri dell'equipaggio. Sarebbe andato a fuoco il sistema radio all'interno dell'imbarcazione

A fire is seen in Manhattan, New York

New York, incendio in un palazzo di sette piani a Manhattan

È successo nella zona di Hamilton Height. Almeno 5 feriti

Terrorismo, Isis minaccia cristiani con foto Papa decapitato

Un messaggio di minaccia contro "i fedeli della croce"