Giovedì 02 Novembre 2017 - 08:15

NY, Trump: "Pena di morte per il killer". Individuato un complice

Trovati video e migliaia di immagini di propaganda dell'Isis nel cellulare dell'attentatore

Gli investigatori dell'Fbi hanno individuato un secondo uomo di nazionalità uzbeka, Mukhammadzoir Kadirov, 32 anni, considerato collegato all'attentato del 31 ottobre su una pista ciclabile di Manhattan. "Lo abbiamo trovato, non aggiungo altro" ha detto il capo degli investigatori William Sweeney circa un'ora dopo l'annuncio del Federal Burau che diceva di stare "cercando informazioni" sul sospetto complice del killer Sayfullo Saipov.

Secondo fonti dell'intelligence, Saipov era noto alle autorità inquirenti americane, che lo avrebbero anche interrogato, perché era stato associato a un sospetto in una indagine per terrorismo del 2015. Il 29enne inoltre avrebbe avuto contatti con persone considerate dall'Fbi estremisti radicalizzati, almeno uno dei quali di origine uzbeka.

L'attentatore ha ammesso di essere stato ispirato dai video dell'Isis, di aver atteso Halloween per l'attacco per trovare più persone sulla strada e di aver programmato di procedere verso il ponte di Brooklyn per colpire più pedoni. Nel telefono di Saipov gli investigatori dell'Fbi hanno trovato migliaia di immagini e quasi 100 video di propaganda dello Stato islamico. Gli agenti hanno trovato 3.800 immagini, molte delle quali raffiguravano il simbolo dell'Isis e il leader Abu Bakr al-Baghdadi. In una fotografia viene mostrato un membro dell'Isis in piedi accanto a un cadavere. Sul cellulare sono stati trovati inoltre circa 90 video: tra gli altri ce n'è uno che mostra miliziani dell'Isis che schiacchiano un prigioniero con un mezzo blindato, ma anche scene di decapitazione e fucilazione. Un altro video, infine, forniva istruzioni su come costruire una bomba fatta in casa.

L'uzbeko è stato formalmente accusato di terrorismo, di violenza e distruzione con veicolo e di aver fornito aiuto materiale allo Stato Islamico. 

 

E oggi il presidente americano Donald Trump ha chiesto la pena di morte per l'attentatore. "Il terrorista di New York era soddisfatto quando ha chiesto di appendere la bandiera dell'Isis nella sua stanza di ospedale. Ha ucciso 8 persone, 12 sono state ferite in modo grave. Dovrebbe essere condannato a morte", ha scritto il presidente su Twitter.

 

 

Trump ha poi promesso di metter fine alla lotteria per la Carta verde, dopo che è emerso che Saipov grazie a quel programma nel 2010 era entrato negli Stati Unitie. Mentre proseguono le indagini sull'attacco lungo il fiume Hudson, il presidente si è scagliato prima con i democratici che ha accusato di aver promosso quel programma sull'immigrazione, poi ha promesso di sostituirlo con un criterio "basato sul merito".

Il Diversity Visa Lottery Program, la lotteria annuale che mette a disposizione 55mila carte verdi ogni anno per persone provenienti da 'Paesi scarsamente rappresentati' negli Usa, fu istituito con una legge approvata nel 1990. Tra i promotori ci fu l'allora deputato e oggi leader della minoranza al Senato Chuck Schumer, ora diventato per questo bersaglio di Trump. "Il terrorista è arrivato nel nostro Paese con il cosiddetto 'Diversity Visa Lottery Program', una bellezza di Chuck Schumer. Voglio ci si basi sul merito", ha scritto il presidente Usa su Twitter.

 

Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco in Perù

Pedofilia, O'Malley critica il Papa: "Addolora sua difesa di Barros"

Il cardinale di Boston presidente della commissione della Santa sede contro gli abusi sui minori prende le distanze da Bergoglio

Repubblica Ceca, incendio in hotel in centro Praga: 2 morti, 7 feriti

Tre sono in gravi condizioni. Il fuoco è stato domato dopo due ore

Afghanistan, attacco all'hotel Intercontinental di Kabul: ostaggi e vittime

Un commando di 4 uomini armati ha preso d'assalto la struttura, due sono stati neutralizzato. Il quarto piano è in fiamme

Continua il viaggio di Papa Francesco in Perù

Perù, Papa da alluvionati Niño: "Proteggetevi anche da tempesta sicariato"

Francesco richiama all'unità: mani tese e compassione, perché "ci sono cose che non si improvvisano e tanto meno si comprano"