Giovedì 22 Dicembre 2016 - 12:00

Strage Berlino, caccia a tunisino: fu in carcere 4 anni in Italia

Fermate quattro persone, avrebbero legami con Amri

Attacco a Berlino, caccia a 24enne tunisino: fu in carcere per 4 anni in Italia

E' caccia al sospetto attentatore di Berlino, ritenuto responsabile dell'attacco costato la vita a 12 persone, colpite da un tir lanciato sui mercatini di Natale del centro città. Le ricerche ricadono su Anis Amri, tunisino, nato il 22 dicembre del 1992 il cui documento, emesso nel distretto di Kleve, nel Nord Reno-Westfalia, è stato ritrovato sul camion. L'attacco, dove sono rimaste ferite 48 persone, è stato rivendicato dallo Stato islamico ed è proprio questa una delle piste che si sta seguendo per cercare di individuarlo, mentre la Germania ha offerto fino a 100mila euro a chiunque saprà offrire informazioni utili per arrivare all'arresto. Intanto, quattro persone sono state arrestate per sospetti legami con Amri, e poi sarebbero state rilasciate, mentre il New York Times rivela che il tunisino era "già stato nei radar dalle agenzie di intelligence americane". Amri avrebbe fatto ricerche online su come fabbricare ordigni esplosivi e, almeno una volta, scrive il quotidiano americano, aveva comunicato con lo Stato ilsamico tramite il servizio di messaggistica Telegram, il più usato dai jihadisti. Il sospetto, quindi, "era nella no-fly list statunitense".

Secondo le informazioni raccolte, il giovane aveva lasciato la Tunisia sette anni fa come migrante illegale e ha scontato quattro anni di prigione in Italia perché accusato per un incendio in una scuola. Dettagli riferiti dal padre alla radio tunisina Mosaique FM, a cui ha spiegato che il giovane si era recato in Germania più di un anno fa. Amri si sarebbe radicalizzato nel carcere italiano dove era stato rinchiuso dopo aver lasciato la Tunisia. È l'ipotesi formulata dal fratello, Abdelkader, in un'intervista alla Bild

Il ministro dell'Interno tedesco, Thomas de Maizière, ha fatto sapere che un ordine di arresto è stato emesso a livello europeo. L'uomo era noto alle agenzie di sicurezza tedesche ed era in contatto con militanti islamisti in Nord Reno-Westfalia. Aveva inoltre fatto richiesta di asilo in Germania, domanda che però che era stata respinta a luglio. I tentativi di rimpatriarlo in Tunisia, tuttavia, erano falliti perché non aveva documenti di identità e le autorità di Tunisi avevano messo in dubbio che si trattasse di un cittadino tunisino. L'uomo si era spostato dal Nord Reno-Westfalia a Berlino a febbraio del 2016.

Loading the player...

Il tunisino "potrebbe essere armato", secondo quanto riferisce l'ufficio del procuratore federale tedesco (Gba), che sul proprio sito pubblica due foto del ricercato. La polizia tunisina sta cercando di verificare se il sospetto compaia nella lista nazionale degli estremisti. Intanto le indagini si concentrano sulla dinamica dell'attacco. A quanto sembra il conducente del tir, un cittadino polacco che è stato trovato morto per colpi d'arma da fuoco nella cabina del mezzo, era vivo al momento dell'attentato. Secondo l'autopsia, l'assalitore ha sequestrato il tir e il suo conducente, ma ha ucciso quest'ultimo solo dopo aver travolto la folla. Gli investigatori credono che il guidatore abbia avuto uno scontro con l'attentatore per il controllo del veicolo, venendo ferito a coltellate, mentre provava forse a evitare la strage. Poco dopo l'attentato la polizia tedesca aveva fermato, dopo una telefonata di segnalazione, un 23enne pakistano arrivato in Germania nel dicembre 2015 e richiedente asilo. Tuttavia, i dubbi sul suo reale coinvolgimento sono cresciuti sino a quando l'uomo è stato rimesso in libertà.

In seguito all'attentato, molte città europee hanno rafforzato le misure di sicurezza. Le strade attorno a Buckingham Palace saranno chiuse al cambio della guardia. Mentre la Francia ha deciso il rafforzamento dei controlli alle frontiere con Germania, Svizzera e Lussemburgo. Le autorità di Parigi stanno inoltre effettuando una serie di "arresti preventivi" e controlli sul dispiegamento di barriere di cemento nei mercatini di Natale per timore di attacchi simili.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Russiagate, da Mueller mandato comparizione per Bannon

L'ex capo stratega della Casa Bianca chiamato per testimoniare davanti a un grand jury sui possibili legami fra lo staff di Trump e la Russia durante la campagna elettorale

Papa Francesco in Cile

Cile, altre 3 chiese attaccate all'alba: 9 da scorsa settimana

Gli ultimi attacchi incendiari qualche ora dopo l'arrivo di Papa Francesco.

Papa Francesco Incontro con le Autorità, con la Società civile di Santiago

Cile, Papa chiede perdono per scandali pedofilia: "Vergogna, non si ripeta"

Il pontefice parlando alle autorità cilene nel Palacio de la Moneda di Santiago su decenni di episodi perpetrati da sacerdoti

Verginità all'asta per pagarsi gli studi: 18enne italiana raccoglie 1 milione di euro

Vuole studiare a Cambridge, acquistare una casa e viaggiare: perciò ha preso la decisione di vendersi sul web. The Sun l'ha sentita e assicura che non è un falso