Mercoledì 12 Ottobre 2016 - 08:45

Parigi, legali di Salah rinunciano alla difesa: Non collabora più

L'uomo è l'unico sopravvissuto del commando jihadista autore degli attentati del 13 novembre scorso

Frank Berton, ormai ex avvocato di Salah

 Gli avvocati belga e francese di Salah Abdeslam, l'unico sopravvissuto  del commando jihadista autore degli attentati del 13 novembre a Parigi, hanno rinunciato alla sua difesa sostenendo che il loro assistito continua a restare in silenzio. Il legale belga Sven Mary e il collega francese Frank Berton hanno spiegato al settimanale francese 'Le Nouvel Observateur', che Abdeslam "non collabora più" e sono convinti che l'uomo non cambierà la sua decisione di rimanere in silenzio. "Non possiamo continuare a difendere la parola di un uomo che tace. Si tratta di una decisione che abbiamo maturato (...) nel momento in cui  respinge la strategia di difesa che proponiamo, dobbiamo lasciare" l'incarico, ha detto Mary.

CONDIZIONI DI DETENZIONE. Berton, uno dei legali è convinto che la decisione di porre il detenuto sotto sorveglianza in carcere ventiquattr'ore su 24 ha giocato un ruolo nella scelta di Abdeslam di non collaborare. L'avvocato ha provato a modificare la decisione di metterlo in isolamento in un carcere di massima sicurezza, videosorvegliato, ma non è stato possibile. Della stessa opinione anche l'avvocato belga di Abdeslam, Sven Mary, che ha confermato che è l'isolamento a spingere il jihadista a non collaborare e che questo è "la conseguenza di una scelta politica, quella di mantenerlo sotto sorveglianza costante". "Le vere vittime di tutto questo sono le vittime degli attacchi di Parigi, perché hanno il diritto di sapere la verità ed hanno il diritto di cercare di comprendere l'incomprensibile", ha concluso Mary.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Aumenta la paura per i continui attacchi di Boko Haram in tutta la regione del lago CiadMSF ha integrato il supporto psicologico alle attività mediche

Nigeria, 111 le studentesse scomparse dopo l'attacco di Boko Haram

L'episodio ricorda il rapimento delle oltre 270 ragazze avvenuto a Chibok nel 2014

Messico, i giorni dopo il terremoto

Messico, tre italiani scomparsi: inchiesta su poliziotti Tecalitlan

Si tratta di un sessantenne, di suo figlio di 25 anni e di suo nipote di 29 anni: i parenti non hanno loro notizie dal 31 gennaio

Prima del film Suburbicon a Los Angeles

Clooney donano 500mila dollari per la manifestazione contro le armi

L'attore e la moglie aiutano a finanziare il corteo del 24 marzo a Washington, organizzato dopo la sparatoria nel college in Florida in cui sono morte 17 persone

Trump parla alla Nazione dopo la sparatoria in Florida

La Cnn contro Trump: "Golf e Twitter durante funerali in Florida"

Il duro editoriale dell'anchorman Anderson Cooper: "Due famiglie hanno seppellito i loro figli. Nessuna menzione nei suoi tweet"