Mercoledì 12 Ottobre 2016 - 08:45

Parigi, legali di Salah rinunciano alla difesa: Non collabora più

L'uomo è l'unico sopravvissuto del commando jihadista autore degli attentati del 13 novembre scorso

Frank Berton, ormai ex avvocato di Salah

 Gli avvocati belga e francese di Salah Abdeslam, l'unico sopravvissuto  del commando jihadista autore degli attentati del 13 novembre a Parigi, hanno rinunciato alla sua difesa sostenendo che il loro assistito continua a restare in silenzio. Il legale belga Sven Mary e il collega francese Frank Berton hanno spiegato al settimanale francese 'Le Nouvel Observateur', che Abdeslam "non collabora più" e sono convinti che l'uomo non cambierà la sua decisione di rimanere in silenzio. "Non possiamo continuare a difendere la parola di un uomo che tace. Si tratta di una decisione che abbiamo maturato (...) nel momento in cui  respinge la strategia di difesa che proponiamo, dobbiamo lasciare" l'incarico, ha detto Mary.

CONDIZIONI DI DETENZIONE. Berton, uno dei legali è convinto che la decisione di porre il detenuto sotto sorveglianza in carcere ventiquattr'ore su 24 ha giocato un ruolo nella scelta di Abdeslam di non collaborare. L'avvocato ha provato a modificare la decisione di metterlo in isolamento in un carcere di massima sicurezza, videosorvegliato, ma non è stato possibile. Della stessa opinione anche l'avvocato belga di Abdeslam, Sven Mary, che ha confermato che è l'isolamento a spingere il jihadista a non collaborare e che questo è "la conseguenza di una scelta politica, quella di mantenerlo sotto sorveglianza costante". "Le vere vittime di tutto questo sono le vittime degli attacchi di Parigi, perché hanno il diritto di sapere la verità ed hanno il diritto di cercare di comprendere l'incomprensibile", ha concluso Mary.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Brexit, May: Rispetteremo la decisione del popolo britannico

Brexit, May: Rispetteremo la decisione del popolo britannico

L'annuncio della portavoce della prima ministra

Referendum, Dijsselbloem: Non cambiano i problemi dell'Italia

Referendum, Dijsselbloem: Non cambiano i problemi dell'Italia

"Che siano affrontati rimane la nostra preoccupazione" dice il presidente dell'Eurogruppo

Referendum su media esteri: Renzi bocciato, per tedeschi esito tragico

Referendum su media esteri: Renzi bocciato, per tedeschi esito tragico

Come viene raccontata la notizia dalla Francia al Regno Unito, dalla Germania agli Stati Uniti

Pierre Moscovici

Referendum, Moscovici (Ue): Toccati da esito, ma l'Italia è solida.

Il ministro tedesco Schaeuble: "Non bisogna parlare di crisi euro, Italia continui su strada di Renzi"