Sabato 29 Luglio 2017 - 20:30

Atac, Renzi: M5S raccomanda amici. Raggi: Lo quereliamo

Il segretario del Pd: "Nell'azienda dei trasporti di Roma i grillini che dovevano fare la rivoluzione, fanno esattamente come tutti gli altri"

Roma, presentazione dei 150 nuovi autobus della flotta Atac

All'indomani dell'uscita di scena del direttore generale dell'Atac, Bruno Rota, il Campidoglio a 5 Stelle si ritrova nuovamente al centro delle polemiche, mentre la proposta di mettere a gara l'azienda del trasporto locale trova nuovi sostenitori come il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda. "Nell'azienda dei trasporti di Roma i grillini che dovevano fare la rivoluzione, fanno esattamente come tutti gli altri. Anzi, peggio, raccomandando gli amici degli amici", attacca il segretario Pd Matteo Renzi.

LA REPLICA Di RAGGI - "Nessuno del MoVimento 5 Stelle ha mai fatto raccomandazioni per amici, amici degli amici o parenti. Stefàno si è sentito diffamato dalle affermazioni di Rota, riprese poi dal Pd, e lo ha querelato". Così la sindaca di Roma Virginia Raggi su Fb. "Come sempre andremo avanti... Le polemiche create dai giornali sono l'ultimo dei nostri interessi, ma se il segretario del Pd ci diffama è un'altra storia: Renzi sarà querelato e dovrà rendere conto delle sue parole", aggiunge Raggi. "La situazione in cui si trova Atac era ed è grave, ma non ci siamo fatti spaventare dalle difficoltà e siamo andati avanti. Abbiamo selezionato e portato a Roma qualche mese fa Bruno Rota, un grande manager che si era occupato con successo dell'Atm a Milano".

"Se a qualcuno risultano altre circostanze come raccomandazioni, pressioni o richieste gradiremmo che fossero pubblicate immediatamente per poter prendere immediati provvedimenti. Qui non facciamo sconti a nessuno", continua Raggi. "Ieri abbiamo scongiurato che alla nostra città fosse imposta il taglio dell'acqua per otto ore al giorno, una follia che poteva concepire solo chi pensa a soddisfare le direttive di partito e fare giochetti politici sulla pelle dei cittadini. Noi ogni giorno ci occupiamo dei problemi di Roma, dalle partecipate al verde sotto casa.Stiamo tutti lavorando per questa città, dal sindaco fino al consigliere municipale. A tutti i componenti della mia squadra di consiglieri e di giunta dico infatti di non distrarsi dal lavoro alimentando sterili polemiche. Chi preferisce polemizzare si mette da solo fuori dalla squadra", scrive la sindaca. "Adesso andremo avanti con Atac per garantire alla città un sistema di trasporti degno di una capitale europea. Sarà dura, ma ce la faremo. Stateci vicino", conclude Raggi. 

LE ACCUSE DI ROTA. Il riferimento, buttato lì da Renzi durante la presentazione del libro 'Avanti' ad Agerola (Napoli), è all'accusa dello stesso Rota contro il consigliere capitolino M5S Enrico Stefàno. L'accusa è emersa in un botta e risposta su Facebook due giorni fa. "Più che di dirigenti da cacciare, lui e e non solo lui mi hanno parlato di giovani da promuovere. Velocemente. Nomi noti. Sempre i soliti", aveva scritto l'ex direttore generale Atac a commento di un polemico post di Stèfano. Rota aveva anche accennato a un "vivo interesse del consigliere Stèfano alle soluzioni della società Conduent Italia, che si occupa di bigliettazione e che mi ha invitato a incontrare più volte". Accuse pesanti alle quali ha ribattuto ieri il presidente della commissione Trasporti: "Né io né i miei colleghi, per quanto mi consta, abbiamo mai sollecitato promozioni, chiesto assunzioni o spostamenti, proposto collaborazioni. Chi mi conosce, chi lavora con me, sa che ho sempre e solo esercitato i poteri di indirizzo del socio unico attraverso la commissione che presiedo. In massima trasparenza e onestà. Alla luce del sole. Invito pertanto il dottor Rota a scusarsi per una contestazione infondata".

IL REFERENDUM PER METTERE A GARA TRASPORTO PUBBLICO. Oggi il ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, ha firmato il referendum promosso dai Radicali 'Mobilitiamo Roma', per la messa a gara del trasporto pubblico locale (con la possibilità, quindi, di privatizzare Atac o comunque passarla sotto una diversa gestione). La firma di Calenda "è un segnale importantissimo quando manca pochissimo alla chiusura della campagna di raccolta firme - ha dichiarato Riccardo Magi dei Radicali -. Mettere a gara il servizio è il solo modo per rompere il monopolio disastroso di Atac e dare finalmente alla Capitale un servizio efficiente. I romani l'hanno capito e a migliaia stanno firmando il nostro referendum. Siamo a 22 mila firme, dobbiamo arrivare a 29mila entro il 12 agosto".

L'ESPOSTO SULLA SOCIETA' CONDUENT. Il senatore Andrea Augello di 'Idea' annuncia iniziative giudiziarie. "Dopo aver presentato, questa mattina, il nostro esposto presso la Procura della Repubblica, stiamo lavorando in queste ore per approfondire i rapporti tra il Movimento 5 Stelle e la società 'Conduent', esplicitamente citata nelle esternazioni del dottor Rota", ha dichiarato. "Stiamo verificando - prosegue Augello - quali e quanti accessi abbiano avuto i rappresentanti della società in Campidoglio nell'ultimo anno, presumendo tra l'altro un livello di interlocuzione sicuramente più serio e consistente di un semplice approccio con il povero Enrico Stefano, con il quale nessuno parlerebbe seriamente di qualsiasi cosa e men che meno di appalti. La nostra idea è che il dottor Rota possa sicuramente fornire documentati chiarimenti sulle sue affermazioni". Conduent è una multinazionale che, ad Adealide, in Australia, ha curato la transizione da una bigliettazione di tipo tradizionale ad una più innovativa 'contactless'. 

 

Scritto da 
  • Matteo Bosco Bortolaso
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Anziano restituisce borsa con 2mila euro: "Ho fatto una cosa normale"

"Quando ho visto tutti quei soldi, mi sono spaventato", racconta il 72enne

Villa Borghese, dove si suppone sia stata stuprata una donna tedesca

Roma, arrestato stupratore di villa Borghese: violentò clochard tedesca

Pochi giorni dopo aveva violentato, picchiato e legato anche un'altra donna

Senato, Paolo Gentiloni riferisce sul prossimo consiglio europeo del 19 e 20 Ottobre

Legge elettorale, 179 proposte di modifica e 160mila firme per cambiarla

La legge elettorale arriverà in aula martedì 24 ottobre

Il Presidente Gentiloni al Consiglio Europeo di Bruxelles

Bankitalia, Gentiloni: "Il governo deve agire nell'interesse del Paese"

Il presidente del Consiglio si dice tranquillo relativamente a "strani incroci populisti" che si possano creare in parlamento sulla vicenda