Lunedì 31 Ottobre 2016 - 09:00

Alba, funzionario sottrae denaro a correntisti per oltre 1,5 mln

Lavorava in una filiale del Banco Azzoaglio

Asti, funzionario sottrae denaro a correntisti per oltre 1,5 milioni

Nella mattinata del 27 ottobre 2016, i finanzieri di Asti hanno eseguito numerosi sequestri preventivi. Sono stati bloccati decine di conti correnti, depositi titoli e depositi a risparmio ed oltre 110.000 euro, per un totale di oltre un milione e mezzo di euro, a carico di un funzionario della filiale di Alba del Banco Azzoaglio, avente sede principale a Ceva (CN), a danno di diversi clienti.

Il funzionario, da tempo fuoriuscito dai quadri aziendali, ha potuto per diversi anni sottrarre denaro dai conti di ignari clienti grazie ad un ingegnoso sistema criminale. Svuotava parte dei conti attraverso prelevamenti di contante allo sportello, disattendendo le regole sancite dalla normativa antiriciclaggio, effettuando operazioni di cassa in assenza dei clienti.

I cassieri, ignari della finalità illecita, ricevevano gli ordinativi riportanti, in alcuni casi, le firme dei clienti falsificate e, in altri, firme genuine perché precedentemente fatte sottoscrivere "in bianco" dall'indagato ai clienti, la cui fiducia era stata conquistata assicurando una sorta di servizio bancario "a domicilio" (raccolta di denaro e di disposizioni per operazioni al di fuori dalle mura della banca). Le Fiamme Gialle, inoltre, hanno riscontrato che alcune delle operazioni illecite sono state eseguite in totale assenza di contabile di cassa.
Anche alcuni conti correnti d'appoggio, sconosciuti ai clienti intestatari, venivano inseriti nei dossier titoli che gestiva personalmente. Così facendo l'indagato faceva confluire il ricavato di vendite di titoli mai disposte dai titolari ovvero il controvalore dei titoli stessi scaduti.

Il denaro sottratto raramente entrava direttamente nelle "tasche" del funzionario, il quale normalmente lo 'parcheggiava' in conti creati ad hoc, intestati ad ignari clienti, per poi disporne a proprio piacimento, chiamati 'conti fantasma'.

Il sistema ha potuto reggere per molti anni, in quanto i clienti, dato che nel funzionario riponevano una fiducia pressoché cieca, venivano tenuti all'oscuro delle reali operazioni bancarie in quanto non in possesso degli estratti conto poiché domiciliati presso la filiale di Alba dell'Istituto.
Lo stesso Banco Azzoaglio, allarmato dall'ispezione della Banca d'Italia, per primo ha sporto denuncia-querela quale parte offesa, dando origine all'indagine.

Il funzionario responsabile è stato deferito alla locale Autorità Giudiziaria per le ipotesi di reato di furto aggravato, truffa, appropriazione indebita e sostituzione di persone.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Consip, Woodcock e Sciarelli indagati dalla procura di Roma per 'fuga di notizie'

Consip, Woodcock e Sciarelli indagati dalla procura di Roma per 'fuga di notizie'

Inchiesta per violazione del segreto d'ufficio: atti relativi all'indagine sarebbero finiti sul 'Fatto Quotidiano'

Torino, donna senza lavoro si dà fuoco: è ricoverata in gravi condizioni

Torino, donna senza lavoro si dà fuoco davanti Inps: è grave

E' successo davanti alla sede di corso Giulio Cesare. Le ustioni peggiori si trovano sul torace, braccia e volto

Il Papa ai cardinali: Non siamo gerontocrazia ma nonni sognatori

Il Papa ai cardinali: Non siamo gerontocrazia ma sognatori

Il Pontefice in Vaticano: "Chi lo dice non ci vuole bene, è una beffa"

Migranti, torture e sevizie in campo libico: arrestato a Lampedusa

Torture e sevizie a migranti in Libia: arrestato a Lampedusa

Le indagini della Dda di Palermo. Un 23enne somalo fermato nell'hotspot sull'isola