Lunedì 29 Febbraio 2016 - 13:00

Arrivati a Fiumicino profughi dal Libano: in 93 accolti in Italia

I rifugiati siriani sono smistati in diverse località, vivranno in comunità religiose gestite da Sant'Egidio, Chiesa evangelica, Tavola Valdese

Roma, arrivo del primo gruppo di profughi grazie al progetto corridoi umanitari

Bimbi sorridenti o urlanti, donne con il velo, addetti alla sicurezza aeroportuale e, tra loro, anche il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. Questo lo scenario, un po' caotico ma sereno, che si apriva questa mattina al Terminal 5 dello scalo di Fiumicino, dove sono arrivati 93 profughi dai campi dell'Onu in Libano. Le persone accolte, tra cui ci sono 41 minori, vengono da diverse cittadine della Siria, sconvolte da cinque anni di guerra civile: Homs, Hama, Idlib.

"Mi chiamo Yosef, vengo da Aleppo, mia figlia ha un anno e mezzo". Da dove viene? "Da Aleppo". Com'è la situazione laggiù? "Meglio non parlarne". Così, ai microfoni dei giornalisti, uno dei 93 profughi.
L'inglese, ma anche l'arabo, oppure semplici gesti, sono i mezzi per comunicare al Terminal 5. I volontari delle associazioni organizzatrici (Comunità di Sant'Egidio, Confederazione delle Chiese evangeliche e Tavola Valdese), dicono "Benvenuti", accompagnando la parola ad un gesto che mima un bacio. L'unica risposta di alcuni rifugiati, che non parlano inglese, è "la pace sia con te", augurato in arabo. Al terminal 5 di Fiumicino sono naturalmente presenti diversi interpreti.

Quella di oggi, ha detto il ministro Gentiloni, è la prima tappa di "un'iniziativa molto importante, che consente e consentirà a centinaia e centinaia di rifugiati, molti dei quali bambini, di arrivare qui in sicurezza". Secondo il capo della diplomazia italiana, i rifugiati potranno arrivare in Italia "senza subire violenze e ricatti, e senza correre i pericoli che in questi giorni vediamo". Per affrontare l'emergenza migratoria "non si può passare attraverso decisioni unilaterali, o innalzando muri", ha detto Gentiloni, secondo cui serve invece "un ventaglio di azioni diverse".

Il vice ministro degli Esteri Mario Giro ha sottolineato che "non abbiamo fatto niente di nuovo, abbiamo usato leggi già esistenti, previste anche all'interno del quadro Schengen". Giro ha puntato il dito contro "l'impudenza, la polemica e la paura che hanno contraddistinto il dibattito sull'immigrazione: questo Governo vuole dimostrare che la gestione della crisi si può fare in maniera diversa, e speriamo che altri Paesi seguano il nostro esempio".

I rifugiati verranno accolti nelle comunità delle associazioni religiose. Una voce, prima in italiano e poi in arabo, ha indicato loro le destinazioni dove saranno accolti e dove vivranno nei prossimi mesi: suddivisi in piccoli gruppi, andranno a Trento, Torino, Reggio Emilia, Firenze, provincia e comune di Roma. Impareranno l'italiano, tenteranno di integrarsi nella nostra società con l'aiuto dei mediatori culturali. Se arriverà la pace, potranno ritornare a vivere in Siria. Lì "un filo di speranza si è aperto", grazie al cessate-il-fuoco in Siria, iniziativa che potrebbe preludere alla pacificazione del Paese.
 

 

Scritto da 
  • Matteo Bosco Bortolaso
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Roma, inchiesta rifiuti: in procura le mille pagine del dossier Muraro

Inchiesta rifiuti: in procura le mille pagine del dossier Muraro

Centinaia di email, schede, documenti e relazioni, sui 12 anni di lavoro dell'assessora in Ama

Sequestrati beni per un milione di euro a esponente dei Casamonica

Sequestrati beni per un milione di euro a esponente dei Casamonica

Si ritiene che il denaro provenga da attività illecite

Il Campidoglio al voto su 'no' a Roma 2024, scintille e contestazioni in aula

Campidoglio al voto su 'no' a Roma 2024, Frongia: No ritorsioni

Contestazioni in aula da Fratelli d'Italia: Prima grillini ora coniglietti. La seduta dell'assemblea è stata prorogata a oltranza

Raggi: Quote rosa recinto per i panda che offende le donne

Raggi: Quote rosa recinto per i panda che offende le donne

Per la sindaca di roma non garantiscono "né la democrazia né la meritocrazia"