Venerdì 01 Aprile 2016 - 12:45

Arrigo Sacchi compie 70 anni, gli auguri del Milan

Il tributo del club rossonero al tecnico che ha segnato un periodo d'oro tra Anni 80 e 90

Arrigo Sacchi compie 70 anni, gli auguri del Milan

Il Milan omaggia Arrigo Sacchi nel giorno del 70esimo compleanno del tecnico emiliano, indissolubilmente legato al leggendario ciclo rossonero a cavallo tra la fine degli anni Ottanta e l'inizio dei Novanta. Una nota pubblicata sul sito del club titola '70 volte auguri Arrigo'. "Uno scudetto - si legge -, ma soprattutto 'quello' scudetto, l'inizio di tutto, e poi 2 coppe dei Campioni, l'ultimo ad averle vinte consecutive, 2 coppe Intercontinentali, 2 Supercoppe Europee, 1 Supercoppa Italiana. Queste le cifre del neo 70enne Arrigo Sacchi, tanti auguri di buon compleanno!, che sono importanti ma non sono tutto. A rendere merito al lavoro di Sacchi nelle idee e sul campo ancora oggi sono gli avversari". "Tra gli avversari illustri e tra i semplici tifosi - prosegue il club - ancora oggi fluiscono spontanei e convinti i complimenti a quel Milan, l'unica squadra che ha messo tutti d'accordo per la sua energia, il suo gioco e la sua copertura del campo. Ancora Auguri Arrigo!".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Europa League, Balotelli gol ma Nizza ko. Vince il Manchester Utd

Europa League, Balotelli gol ma Nizza ko. Vince il Manchester Utd

Per i red devils a segno il solito Ibrahimovic

Europa League, Sassuolo decimato: Genk ringrazia e vince 3-1

Europa League, Sassuolo decimato: Genk ringrazia e vince 3-1

Le reti all'8' di Karelis, al 25' di Bailey, al 61' di Buffel e al 65' di Politano

Europa League, spettacolo Totti: Roma travolge Astra 4-0

Europa League, spettacolo Totti: Roma travolge l'Astra 4-0

A decidere le reti di Strootman, Fazio, Salah e l'autogol di Fabricio

Europa League, Inter ancora flop: nerazzurri ko 3-1 a Praga

Europa League, Inter ancora flop: nerazzurri ko 3-1 a Praga

Nuova debacle per la squadra di De Boer, che chiude in dieci per l'espulsione di Ranocchia