Giovedì 23 Giugno 2016 - 09:00

Arrestato sindaco di Abano Terme per presunte tangenti

Altre 18 persone sono indagate

Arrestato sindaco appena rieletto di Abano Terme per presunte tangenti

E' stato arrestato Luca Claudio, il sindaco di Abano Terme, in provincia di Padova. Il primo cittadino era appena stato riconfermato alle ultime elezioni amministrative e aveva ricoperto la stessa carica per dieci anni, dal 2001 al 2011, a Montegrotto terme. Claudio, politico di centrodestra, risulta essere coinvolto in un'inchiesta su presunte tangenti. L'operazione, denominata 'Imperator', condotta dalla guardia di finanza di Padova, ha portato all'arresto di due amministratori pubblici, tra cui il sindaco, e tre imprenditori, indagati a vario titolo per i reati di concussione, induzione indebita a dare o promettere utilità, corruzione e riciclaggio. Altre 18 persone sono indagate. In corso anche 22 perquisizioni domiciliari. Le indagini, secondo gli inquirenti, hanno portato alla luce una vera e propria 'tangentopoli delle terme'.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Blitz allevatori all'Antitrust per la 'Guerra del latte'

Antitrust, al via al 13mo convegno: tra gli sponsor anche Intesa San Paolo

I lavori saranno aperti il prossimo 24 maggio dal Johannes Laitenberger, direttore generale della concorrenza della Commissione europea e dal presidenye Agcom Giovanni Pitruzzella

Bari, turista americana trovata morta in un b&b con lividi sul collo

Fermo, lite culmina in tragedia: pensionato uccide la moglie con un fucile

Le ha sparato tre colpi al petto, durante un litigio in camera da letto

Francavilla, uomo lancia figlia della convivente dal viadotto della A14 e si suicida

La tragedia del cavalcavia. "Filippone non aveva problemi psichici"

Chieti: tre le vittime della follia dell'uomo: la moglie, la figlia e lui stesso. Molti aspetti ancora da chiarire

Presentazione del progetto " Stradeinfesta "

Roma si mobilita per la Casa delle donne. Raggi: "Non la chiuderemo"

A rischio la storica sede di associazioni dei movimenti femministi in via della Lungara. La consigliera M5S Guerini intenderebbe trasformarla in un centro di coordinamento gestito da Roma Capitale