Lunedì 19 Settembre 2016 - 17:30

Preso afghano ricercato per bombe NY. Obama: Non cederemo a paura

L'attentato a Chelsea e il ritrovamento di un ordigno in New Jersey sono, secondo gli inquirenti, episodi legati

Bombe a New York, arrestato l'afgano ricercato Ahmad Khan Rahami

Ahmad Khan Rahami, il 28enne afghano ricercato per le bombe di New York e del New Jersey, è stato fermato dalla polizia a Linden, in New Jersey. Lo rendono noto la Cnn e la Nbc.

Secondo quanto spiega il sindaco di Elisabeth, in New Jersey, Chris Bollwage, Rahami avrebbe aperto il fuoco contro la polizia mentre gli agenti si stavano avvicinando alla sua auto, localizzata a Linden, a circa 20 chilometri fuori da New York.  L'uomo sarebbe stato ferito.  La polizia aveva diffuso una foto del ricercato sottolineando che potesse esser armato e pericoloso. Gli inquirenti ritengono che più persone siano coinvolte nelle trame di esplosioni tra New York e il New Jersey. Il 28enne è indagato anche per le cinque bombe trovate in uno zaino in New Jersey, oltre che per quelle di sabato sera a Manhattan. Le autorità federali infatti ritengono che l'esplosione avvenuta a Chelsea sabato sera, dove sono rimaste ferite 29 persone, il ritorvamento di un altro ordigno nelle vicinanze sia legato ai sei ordigni trovati a Elizabeth, in New Jersey.

OBAMA: LOTTA A ISIS. "Dobbiamo dimostrare a chi vuole farci del male che noi ci batteremo, non cederemo alla paura. Il terrorismo e la violenza cercano di ferire le persone e di instillare la paura per farci cambiare il nostro stile di vita e minare i valori della nostra società. Ma noi non cederemo alla paura". Lo ha dichiarato il presidente Usa, Barack Obama, intervenendo al vertice Onu sui migranti e commentando i fatti di New York e New Jersey. "Continueremo a guidare la coalizione nella lotta all'Isis", ha sottolineato Obama. "Assicuro che giustizia sarà fatta". 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Brexit, May: Non resteremo in mercato unico, incompatibile con voto

May: Non resteremo in mercato unico, incompatibile con voto

"Assicureremo di poter raggiungere accordi commerciali anche con Paesi esterni all'Ue"

Consegnata la lettera firmata da May a Tusk: Parte ufficialmente l'iter della Brexit

Consegnata lettera a Tusk: parte la Brexit. May: Momento storico e opportunità

Ufficializzata l'intenzione del Regno Unito di distaccarsi da Bruxelles. La premier: Nuovo partenariato con Ue

Brexit, che cos'è e come funziona: dall'articolo 50 ai negoziati

Brexit, che cos'è e come funziona: dall'articolo 50 ai negoziati

Il Regno Unito smetterà di appartenere all'Ue entro la primavera del 2019

Brexit, anticipazioni discorso May: Ora di unità, rappresento tutti

Brexit, anticipazioni discorso May: Ora di unità, rappresento tutti

"E' mia ferma decisione ottenere l'accordo adeguato per ogni persona in questo Paese"