Martedì 05 Gennaio 2016 - 12:00

Arrestati per spaccio i 'Bonnie e Clyde' ternani

Arrestati per spaccio i 'Bonnie e Clyde' ternani

Fermata dalla polizia la coppia di spacciatori nota alle forze dell'ordine come i 'Bonnie e Clyde' di Terni: entrambi di 27 anni, incensurata la donna, C. T., e con precedenti specifici l'uomo, A. L., conosciuto anche come assuntore di stupefacenti. Gli agenti sono intervenuti dopo aver assistito a una scena tipica dello spaccio, osservando l'uomo scendere dalla propria auto, avvicinarsi ad un gruppo di giovani, scambiare qualche parola con loro, tornare in auto per andare a prendere dei pacchetti e consegnarli, mentre la donna è rimasta tutto il tempo sulla vettura. A quel punto è intervenuta la Sezione antidroga della Squadra mobile che ha fermato ed identificato le persone presenti; tre giovani ternani sono stati segnalati alla Prefettura come assuntori e i due spacciatori e la loro auto sono stati perquisiti.

Nel vano portabagagli tutto il loro mondo: hashish, intero e frazionato, un bilancino di precisione, coltelli e tutto l'occorrente per il taglio e il confezionamento delle dosi, oltre a vestiti e altri capi d'abbigliamento per cambiarsi in auto durante il giorno, senza dover rientrare a casa, proprio come la leggendaria coppia di criminali americani che si spostava sempre in auto, dove teneva nascoste armi e refurtiva. I due, messi a disposizione del pubblico ministero Raffaele Iannella, verranno giudicati per direttissima; la droga, un etto di hashish, è stata sequestrata.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Piogge e temporali sparsi: il meteo del 25 e 26 giugno

Le previsioni dell'aeronautica militare

Basta plastica usa e getta e protezione delle tartarughe: ecco i lidi amici del mare

La tutela del mare passa anche dagli stabilimenti balneari che si mettono in prima linea nella lotta all'inquinamento

LIBYA-EUROPE-MIGRANTS-NGO-AQUARIUS

Sette barconi con mille migranti davanti alla Libia, Proactiva Open Arms: "Italia rifiuta nostro aiuto"

Barcellona si offre come poro sicuro mentre la Lifeline invita Salvini a bordo. Mailbombing sul sito della guardia costiera: "Riprendete i soccorsi"