Domenica 28 Agosto 2016 - 14:30

Arrestati 2 piloti a Glasgow: erano ubriachi prima del volo

I due sono stati rimossi dal servizio e arrestati

Arrestati 2 piloti a Glasgow: ubriachi prima di volo per gli Usa

Due piloti della compagnia aerea statunitense United Airlines sono stati arrestati ieri mattina all'aeroporto di Glasglow, mentre si preparavano per un volo diretto a New York, perché si suppone che fossero sotto l'effetto di alcol. Lo riferisce la polizia scozzese. Si tratta di due uomini di 35 e 45 anni. Il volo, con 141 passeggeri, sarebbe dovuto partire alle 9 di sabato mattina da Glasgow con destinazione l'aeroporto di Newark, in New Jersey, invece è partito ieri sera, con un altro equipaggio rispetto a quello previsto inizialmente. I piloti dovrebbero comparire in tribunale domani. Un portavoce di United Airlines riferisce che i due sono stati rimossi dal servizio.

Non si tratta del primo caso del genere in Scozia. Il 18 luglio scorso anche due piloti canadesi erano stati arrestati perché sospettati di essere ubriachi mentre si preparavano per un volo intercontinentale. Anche in quel caso furono fermati all'aeroporto di Glasgow, da dove sarebbero dovuti partire con un volo Air Transat diretto a Toronto, con 250 passeggeri.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Israeli security forces arrest Palestinian men following clashes outside Jerusalem's Old city

Hamas inneggia all'assassino dei coloni. Israele arresta il fratello

Dopo gli scontri di ieri e l'attacco di un giovane in Cisgiordania, prosegue il botta e risposta tra le parti

Polizia spagnola arresta quattro persone accusate di jihadismo

Interpol: 173 combattenti dell'Isis pronti ad attacchi suicidi in Europa

The Guardian ha visto la lista dei nomi. Sarebbero addestrati, ma non si sa quanti siano già sul continente europeo

Marcia indietro di "The Sun". Napoli esce dalle città pericolose

Un'inchiesta del quotidiano inglese l'aveva messa insieme a Raqqa, Mogadiscio e Caracas. Le proteste

White House spokesman Sean Spicer holds an off-camera briefing (no TV) at the White House in Washington

Trump nomina il capo della comunicazione. Portavoce lascia

Sean Spicer, fedelissimo del presidente si dimette in disaccordo con la scelta del finanziere Anthony Scaramucci