Domenica 28 Agosto 2016 - 14:30

Arrestati 2 piloti a Glasgow: erano ubriachi prima del volo

I due sono stati rimossi dal servizio e arrestati

Arrestati 2 piloti a Glasgow: ubriachi prima di volo per gli Usa

Due piloti della compagnia aerea statunitense United Airlines sono stati arrestati ieri mattina all'aeroporto di Glasglow, mentre si preparavano per un volo diretto a New York, perché si suppone che fossero sotto l'effetto di alcol. Lo riferisce la polizia scozzese. Si tratta di due uomini di 35 e 45 anni. Il volo, con 141 passeggeri, sarebbe dovuto partire alle 9 di sabato mattina da Glasgow con destinazione l'aeroporto di Newark, in New Jersey, invece è partito ieri sera, con un altro equipaggio rispetto a quello previsto inizialmente. I piloti dovrebbero comparire in tribunale domani. Un portavoce di United Airlines riferisce che i due sono stati rimossi dal servizio.

Non si tratta del primo caso del genere in Scozia. Il 18 luglio scorso anche due piloti canadesi erano stati arrestati perché sospettati di essere ubriachi mentre si preparavano per un volo intercontinentale. Anche in quel caso furono fermati all'aeroporto di Glasgow, da dove sarebbero dovuti partire con un volo Air Transat diretto a Toronto, con 250 passeggeri.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Uragano Maria devasta Portorico

Uragano Maria, diga a rischio crollo: villaggi evacuati a Porto Rico

La diga si trova nella regione di Quebradilla

Attentato metro Londra, arresti a Newport

Londra, 18enne incriminato per attentato Parsons Green

Altri tre sospettati, uomini di rispettivamente 25, 30 e 17 anni, restano in custodia

Brexit

Theresa May a Firenze sulla Brexit: "Lasciamo la Ue non lasciamo l'Europa"

Rassicurazione agli italiani che vivono in Gb: "Vogliamo che restiate da noi". Poi l'ammissione: "Non ci siamo mai sentiti della Ue"

Uber accused by police

Regno Unito dice basta a Uber: licenza non rinnovata

Il motivo: "Mancanza di responsabilità aziendale con potenziali conseguenze sulla sicurezza pubblica". E l'azienda fa ricorso