Giovedì 30 Marzo 2017 - 08:45

La difesa di Messi: Non erano insulti ma parole al vento

Leo è tornato sulle parole che avrebbe rivolto al guardalinee e che gli sono costati una squalifica di quattro giornate

Argentina, la difesa di Messi: Non insulti ma parole al vento

"Erano parole al vento". E' questa la spiegazione che Leo Messi ha dato in merito ai presunti insulti che avrebbe rivolto al guardalinee e che gli sono costati una squalifica di quattro giornate in nazionale dalla commissione disciplinare della Fifa. Il 'fattaccio' è riferito al finale del match tra Argentina e Cile di giovedì scorso. Come riporta 'La Nacion', nella difesa presentata dall'Afa, la Federcalcio argentina alla Fifa, prima di conoscere la sanzione, il fuoriclasse del Barcellona ha chiarito che quelle parole non erano destinate all'assistente ma erano "al vento". Messi ha scontato il primo turno di sospensione nel match in Bolivia. Se la squalifica sarà confermata salterà i prossimi impegni dell'Albiceleste con Uruguay, Venezuela e Perù. L'Afa ha già annunciato ricorso per la riduzione della sanzione.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Real Madrid vs Villareal - La Liga spagnola

Ronaldo e il futuro (incerto): l'agente pronto a negoziare l'addio al Real

Secondo i media portoghesi, in casa Blancos si starebbero esaminando le varie proposte per trattare sulla partenza del fuoriclasse

Liverpool v Manchester City - Premier League

Premier League, pioggia di gol e spettacolo: il Liverpool supera il City 4-3

Dopo 23 giornate cade l'imbattibilità della squadra di Guardiola, capolista in campionato con 62 punti. I Reds salgono a 47

"Guarda come i cioccolatini si fondono al sole": è bufera sullo Spartak Mosca

Il commento razzista in un video pubblicato su Twitter. Il club si difende: "Era uno scherzo"