Martedì 05 Gennaio 2016 - 13:45

Arabia Saudita, Rouhani: Riad non nasconderà crimine con stop a dialogo

Arabia Saudita, Rouhani: Riad non nasconderà crimine con stop a dialogo

L'Arabia Saudita non può coprire il suo crimine di aver ucciso l'imam sciita Nimr al-Nimr troncando le relazioni con l'Iran. Lo ha dichiarato il presidente iraniano Hassan Rouhani, citato dall'agenzia di stampa Irna, durante un incontro con il ministro degli Esteri danese a Teheran. "Crediamo che la diplomazia e i negoziati siano il modo migliore per risolvere i problemi tra i nostri Paesi", ha aggiunto Rouhani. "Solo con l'unità i paesi regionali potranno salvare la regione dai pericoli del terrorismo". Il governo iraniano sta cercando di sedare le tensioni con i sauditi prendendo le distanze dall'attacco contro l'ambasciata saudita incolpando elementi stranieri. Il portavoce del governo iraniano, Mohammad Bagher Nobakht, ha definito l'attacco "sospetto, a favore delle politiche dell'Arabia Saudita". "Alcune persone hanno approfittato dei sentimenti delle persone", ha dichiarato Bagher Nobakht.

 

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Iran, due violenti terremoti colpiscono il Paese

La terra ha tremato a nordest di Kerman e nell'area occidentale già colpita da un sisma lo scorso novembre. Non ci sono ancora notizie di danni o vittime

Austria, esplosione in impianto gas a Baumgarten.

Austria, esplosione al terminal del gas di Baumgarten: un morto e 17 feriti

Lo scoppio nella centrale di smistamento più importante del Paese a Sud di Vienna. Alta colonna di fumo. Escluso, per ora, il terrorismo

FILE PHOTO: Laurent Wauquiez, the front-runner for the leadership of French conservative party "Les Republicains" (The Republicans) attends a political rally in Saint-Priest

Francia, Wauquiez prende il posto di Sarkozy: "Ricostruirò centrodestra"

È il nuovo leader dei "Republicains" e ora dovrà ricostruire una realtà politica ancora scossa dal fatto di non essere riuscita, per la prima volta nella Quinta Repubblica, ad arrivare al ballottaggio per la presidenza