Martedì 05 Gennaio 2016 - 13:30

Arabia Saudita, Kuwait richiama proprio ambasciatore a Teheran

Arabia Saudita, Kuwait richiama proprio ambasciatore a Teheran

Il Kuwait ha richiamato il suo ambasciatore dall'Iran dopo gli attacchi alle sedi diplomatiche saudite. Lo rende noto il Governo kuwaitiano. Gli attacchi all'ambasciata saudita a Teheran e al consolato di Riad a Mashhad "costituiscono una flagrante violazione delle convenzioni internazionali e dell'impegno iraniano verso la sicurezza delle missioni diplomatiche" ha dichiarato una fonte del ministero degli Esteri del Kuwait, citato dall'agenzia di stampa Kuna. A seguito degli attacchi, l'Arabia Saudita ha interrotto le sue relazioni diplomatiche con l'Iran. Ieri, anche il Bahrain e il Sudan hanno annunciato la rottura delle relazioni con la Repubblica islamica, accusando Teheran di intromissione negli affari arabi. Inoltre, anche gli Emirati Arabi Uniti hanno diminuito le proprie relazioni diplomatiche con l'Iran riducendo il numero di diplomatici iraniani nel Paese.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

HUNGARY-EUROPE-MIGRANTS-EU-VISEGRAD-V4

Migranti, Visegrad-Austria: "Rafforzare frontiere Ue". Ma distanza su quote

I quattro Pae4si boicotteranno il mini-summit di domenica in vista del Consiglio europeo del 28-29 giugno

Trump presenzia a un evento in onore delle madri e spose soldato

Bimbi migranti separati dalle famiglie, Melania Trump al confine tra Messico e Usa

La First Lady è andata a vedere in prima persona una struttura che ospita circa 60 bambini di Honduras ed El Salvador

Gala omaggio della AFI al 46esimo premio alla vita di George Clooney

Migranti, da George e Amal Clooney 100mila dollari per i bimbi separati dalle famiglie

Sempre più celebrità si schierano contro la politica della 'tolleranza zero' di Trump

Messico-Usa, la "Viacrucis Migrante"

Migranti, Trump: "Firmato decreto per tenere famiglie unite"

La decisione dopo le polemiche sui bimbi separati dai genitori fermati per essere entrati illegalmente negli Stati Uniti