Giovedì 01 Dicembre 2016 - 16:30

Tav, Appendino: Torino uscirà da Osservatorio. Governo va avanti

La sindaca: "Il M5S è da sempre contrario alla Torino-Lione"

Appendino propone l'uscita di Torino dall'Osservatorio Tav. Il governo andrà avanti

Il M5S propone l'uscita del Comune di Torino dall'Osservatorio sulla Tav. Il gruppo consiliare pentastellato ha presentato una mozione di maggioranza, "un segno della nostra vicinanza alla Valsusa", come ha sottolineato la consiliera Viviana Ferrero. "Come è noto, il MoVimento 5 Stelle è da sempre fermamente contrario alla realizzazione del Tav Torino-Lione, non per una presa di posizione ideologica ma per ciò che quest'opera rappresenta sotto tanti aspetti. Abbiamo proposto un Consiglio comunale aperto per poter presentare tutti i punti di vista sull'argomento e agevolare un'informazione completa per i cittadini: ci è dispiaciuto constatare che la minoranza abbia votato contro questa proposta di trasparenza e partecipazione", la posizione della sindaca di Torino Chiara Appendino, che ha spiegato le motivazioni della scelta politica su Facebook. Il governo però è intenzionato ad andare avanti comunque, nonostante l'uscita del capoluogo. Non sono ovviamente tardate le reazioni, a partire da quella del commissario di Governo per l'Asse ferroviario Torino-Lione e presidente dell'Osservatorio, Paolo Foietta, che ha criticato la decisione, bollandola come "ssolutamente ininfluente". "Naturalmente - ha precisato - l'Osservatorio proseguirà nella sua attività".

"Il sindaco Appendino è una persona davvero incredibile. Solo tre giorni fa ha organizzato, insieme al presidente Chiamparino, una conferenza stampa per annunciare di aver inviato al Governo la richiesta per sottoscrivere il patto per il Piemonte. All'interno di questo patto sono contenute molte opere figlie della realizzazione della linea ad Alta velocità Torino-Lione. Oggi lo stesso sindaco organizza una conferenza stampa, circondata dai suoi compagni di partito del M5s per annunciare la presentazione di una mozione per uscire dall'Osservatorio Tav", è la secca replica del senatore del Pd Stefano Esposito, fervente sostenitore della Torino-Lione, "quindi la signora Appendino vuole i soldi derivanti dal Tav per realizzare gli interventi, utili e necessari, ma contrasta la realizzazione della Torino-Lione? Vorrebbe spiegarci come si conciliano queste 2 esigenze anche a noi? Crede davvero di poter sfottere i torinesi in modo così plateale?  In realtà la povera Appendino non sa come gestire la sua maggioranza, poveretti erano convinti di essere stati eletti per realizzare il programma proposto ai cittadini e si ritrovano tutti i giorni un Sindaco che lo smentisce". "La Torino-Lione è una infrastruttura che si sta realizzando - precisa Esposito -, nessuna mozione la potrà interrompere, e il sindaco lo sa bene, però per tenere buoni i suoi consiglieri comunali li fa giocare a fare i No Tav. Se non fossimo gente seria ci si potrebbe ridere su, ma noi siamo gente seria e di fronte ad un sindaco che crede di prendere in giro i cittadini non ridiamo. Sindaco Appendino sia seria".

Scritto da 
  • Silvia Caprioglio
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Mattarella a Grasso e Boldrini: Il Parlamento approvi presto la legge elettorale

Mattarella a Grasso e Boldrini: Il Parlamento approvi presto la legge elettorale

Appello anche per l'elezione di un giudice della Corte Costituzionale

Pd, Orlando: Credo che la stagione di Renzi sia finita

Pd, Orlando: Credo che la stagione di Renzi sia finita

"Sono per andare a votare il prima possibile, un minuto dopo che è stata fatta la legge elettorale"

Grillo attacca Rsf: Il sistema è marcio e il problema per la libertà stampa sono io?

Grillo contro Rsf: Sistema marcio e problema libertà stampa sono io?

Il leader del M5s sul blog: "Se TG e giornali non vi danno le notizie o vi danno notizie false è perché hanno paura di me"

Bologna, morto ex sindaco Guazzaloca. Merola: Voleva bene alla città

Bologna, morto Guazzaloca: primo sindaco non comunista

Aveva 73 anni, primo cittadino di centrodestra dal 1999 al 2004