Mercoledì 21 Settembre 2016 - 12:30

Annunciata su Twitter morte di Chirac, ma la famiglia smentisce

Il presidente emerito è sempre in ospedale, la famiglia chiedo "rispetto per la sua tranquillità"

Annunciata su Twitter morte di Chirac, ma la famiglia smentisce

È giallo in Francia sulla sorte dell'ex presidente Jacques Chirac. Ad annunciare una sua presunta morte su Twitter è stata Christine Boutin, ex ministra e presidente onoraria del Partito cristiano-democratico, Pcd. "Morte di Chirac", ha infatti twittato Boutin. E la notizia è diventata subito virale sui social. Immediata la smentita da parte della famiglia. Jacques Chirac è sempre in ospedale, si legge in una nota in cui si chiede "rispetto per la sua tranquillità".
 

 L'83enne ex capo di Stato era stato rimpatriato d'urgenza dal Marocco, dove si trovava con la moglie Bernadette, e ricoverato domenica in un ospedale parigino a causa di un'infezione polmonare. Negli ultimi anni l'ex presidente (dal 1995 al 2007) ha sofferto di vari problemi di salute, tra i quali una grave perdita di memoria e ha diradato le sue apparizioni in pubblico. Nel 2005 Chirac venne colpito da un ictus.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Spagna, un anno fa attacco a Barcellona: la città ricorda le vittime

Barcellona commemora attacco Rambla divisa su questione Catalogna

In un doppio attentato tra il centro città e Cambris persero la vita 16 persone, tra cui due italiani

India, allagamenti per forti piogge

India, alluvioni in Kerala: 324 morti, oltre 220mila sfollati

Situazione drammatica dopo dieci giorni di piogge incessanti. In tutto lo Stato le vittime sono oltre 800

TURKEY-US-POLITICS-JUSTICE-RELIGION-DIPLOMACY

Turchia, respinta nuova richiesta di rilascio del pastore Usa

Washington minaccia nuove sanzioni. Ankara replica: "Pronti a reagire"

Jena, Angela Merkel alla conferenza "Citizens' dialogue on the future of Europe"

Migranti, Berlino: "Accordo con Grecia, intesa vicina anche con Italia"

Al centro i respingimenti al confine dei profughi che abbiano già chiesto asilo in altri Paesi europei