Lunedì 08 Febbraio 2016 - 10:45

Andria, spacciavano droga in casa: arrestata intera famiglia

In manette padre, madre e due figlie di 18 e 23 anni

Andria, arrestata intera famiglia per spaccio

Avevano in casa un vero e proprio coffee shop. Nascondevano nella propria abitazione cocaina, eroina e hashish e per questo i carabinieri hanno arrestato una coppia di coniugi e le loro due figlie. È successo ad Andria, dove è finito in manette un intero nucleo familiare, composto dal padre, 52enne, dalla madre 50enne e da due figlie di 23 e 18 anni, con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di droga. I militari, durante un servizio antidroga, hanno compiuto una perquisizione nella casa dell'uomo. Duranti l'ispezione, i carabinieri si sono insospettiti al comportamento assunto dalla madre e dalla figlia più grande, che, sebbene avessero detto di dover andare in bagno, sono state scoperte mentre andavano nella camera da letto. Nell'armadio della stanza, i carabinieri hanno trovato quattro involucri in cellophane con 86 grammi di cocaina, 8 involucri realizzati in maniera identica contenenti 225 grammi di eroina e due panetti di hashish da 100 grammi ciascuno, nonché un bilancino elettronico di precisione.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Arrestato ad Abu Dhabi rampollo milanese: frode da 1 miliardo

Arrestato ad Abu Dhabi rampollo milanese: frode da 1 miliardo

Si tratta di Cetti Serbelloni, era ricercato per una condanna a 8 anni

Insulti, schiaffi e calci: arrestate 3 maestre per maltrattamenti sui bambini

Insulti e calci: arrestate 3 maestre per maltrattamenti su bimbi

E' successo a Partinico, in provincia di Palermo

Marò, la Corte indiana ha deciso: Latorre starà in Italia durante arbitrato

Marò, Corte indiana: Latorre starà in Italia durante l'arbitrato

Entrambi i fucilieri di marina posso rimanere con le proprie famiglie, soddisfazione della Farnesina

L'Aquila, truffa sui fondi del terremoto: scatta il sequestro

L'Aquila, truffa sui fondi del terremoto: scatta il sequestro

Richiesti 470mila euro di contributi attraverso false autocertificazioni