Domenica 23 Luglio 2017 - 20:00

Venezia, uccide la ex moglie a coltellate e chiama carabinieri

E' successo a Musile sul Piave. La coppia ha due figli. Non sopportava la sua libertà

Omicidio suicidio a Santa Maria C.V.

Su Facebook il giorno di San Valentino aveva pubblicato un post che recitava: "Mi fanno paura gli uomini che non capiscono che amare una donna vuol dire amare la sua libertà". Chissà se quelle parole erano un segnale d'allarme nei confronti dell'ex marito, Antonio Ascione, 44 anni, che questa mattina l'ha uccisa coltellate nella sua casa di Musile di Piave (in provincia di Venezia) e che intorno alle 7 del mattino ha chiamato i carabinieri accusandosi del delitto.

Maria Archetta Mennella, 38 anni, originaria di Torre del Greco (Napoli), abitava con i due figli di 9 e 15 anni nel piccolo appartamento dove si era trasferita dopo la separazione. La 38enne aveva anche trovato un nuovo lavoro come commessa in un negozio di Noventa di Piave, non più all'ombra del marito, che fa il pizzaiolo a Jesolo. La donna, però, aveva acconsentito a ospitarlo per qualche giorno, mentre i figli erano al mare con i parenti.

L'uomo forse si è ingelosito per la sua nuova vita da single di Mariarca, come la chiamavano le amiche, e ha perso la testa. Ha afferrato un coltello da cucina e l'ha colpita molte volte, fino a toglierle la vita. Poi ha preso il telefono e ha chiamato i carabinieri. "L'ho uccisa io - ha confessato - venite qui".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Palazzo Chigi, incontro con i Presidenti di Regione

Maltempo, Zaia: A Cortina autentico disastro, case in pericolo

L'allarme del governatore del Veneto dopo il dissesto che è costato la vita a un'anestesista in pensione

Allarme del Nyt: Venezia rischia di diventare Disneyland sul mare

Il Nyt lancia l'allarme: Venezia rischia di diventare Disneyland

La Serenissima invasa dai turisti, la preoccupazione maggiore sono le navi da crociera

Playa Punta Canna: La spiaggia 'fascista' di Chioggia

Chioggia, indagato gestore lido 'fascista'. Salvini lo difende

Sotto inchiesta per apologia di fascismo Gianni Scarpa, il titolare dello stabilimento balneare Punta Canna di Chioggia

Venezia, seminari su crescita populismi e declino pluralismo

Venezia, seminari su crescita populismi e declino pluralismo

L’incontro internazionale si terrà dall’8 al 10 giugno alla Fondazione Giorgio Cini – Isola di San Giorgio