Mercoledì 11 Ottobre 2017 - 07:45

Anche Asia Argento stuprata da Weinstein: "E' stato un incubo"

Dopo Gwyneth Paltrow e Angelina Jolie, anche l'attrice italiana rivela di essere stata violentata dal cofondatore della Miramax

Anche Asia Argento stuprata da Weinstein: "E' stato un incubo"

Si allunga la lista delle attrici che accusano Harvey Weinstein di molestie e violenza sessuale. Dopo Gwyneth Paltrow e Angelina Jolie, anche Asia Argento rivela di essere stata stuprata dal cofondatore della Miramax. "Non l'ho denunciato prima perché pensavo che potesse distruggermi la carriera. E' stato un trauma terribile", dice al New Yorker.

L'attrice, figlia del regista Dario Argento, aveva 21 anni quando, durante le riprese del film 'B. Monkey', distribuito dalla Miramax, entrò in contatto con Weinstein. Nel 1997 il produttore la invitò in una camera d'albergo e le ordinò di fargli un massaggio. Da lì iniziò quello che lei stessa definisce "un vero incubo". In quell'occasione Weinstein la costrinse a subire un rapporto orale, ma lei non riuscì a ribellarsi. "Se fossi stata una donna forte, gli avrei tirato un calcio nelle palle e sarei scappata. Ma non l'ho fatto. Mi sento così in colpa".

Dopo quell'episodio, il produttore non la lasciò in pace, riempiendola di chiamate e regali costosi. Poi nel 2000 l'attrice decise di portare alla luce la violenza subita attraverso il film 'Scarlet Diva' da lei diretto. In un scena Argento riportò sul set proprio il drammatico episodio della camera d'albergo, con massaggio e abusi annessi. Da lì tante donne la chiamarono: in quella riproduzione cinematografica avevano riconosciuto Weinstein e il suo modus operandi.

E dopo l'intervista al New Yorker, Argento ha postato su Twitter proprio quella scena, accompagnata da poche, semplici parole. "I wrote and directed this scene in 1999. #Weinstein".

 

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Berlusconi contro Sorrentino: "Il suo film è attacco politico"

L'ex Cav attacca l'ultimo lavoro del regista in cui Toni Servillo veste i suoi panni

Bob Weinstein

Caso Weinstein, anche il fratello Bob accusato di molestie

A parlare è la produttrice televisiva di "The Mist"

Caso Weinstein, il produttore Rosenberg ammette: "Tutti sapevamo ma abbiamo taciuto"

"Siamo rimasti in silenzio perché lui era la gallina dalle uova d'oro, ma ora mi sento complice e mi vergogno"

T

"Anche io sono stata molestata a 9 anni": America Ferrera si unisce a #metoo

L'attrice aderisce alla campagna della collega Alyssa Milano per spirgere le donne a racconatre gli abusi subiti