Lunedì 12 Giugno 2017 - 01:30

Affluenza ferma al 60,07%: In calo rispetto alla precedente tornata

Nella tornata di oggi erano nove milioni gli italiani chiamati al voto, per eleggere 1.004 sindaci

Elezioni Comunali Genova 2017 - Beppe Grillo al voto

Affluenza in calo alle amministrative. Alle 23, quando i seggi si chiudono, la partecipazione al voto si ferma al 60,07 % (negli 849 Comuni italiani rendicontati dal Viminale, escludendo quelli delle Regioni a statuto speciale Trentino Alto Adige e Sicilia). In occasione delle ultime amministrative, nel 2012, alla chiusura dei seggi alle 22 di domenica 6 maggio, aveva votato il 48,98% degli aventi diritto, ma allora si votava in due giorni ed era possibile votare fino alle 15 di lunedì. Alle 19 l'affluenza era al 62,1%, invece, nella tornata elettorale delle Amministrative 2016: allora si votava in un giorno solo: tra i Comuni coinvolti c'erano anche Roma, Milano, Torino e Bologna ed era un turno più avvertito dai partiti avendo più peso a livello nazionale.

Nella tornata di oggi erano nove milioni gli italiani chiamati al voto, per eleggere 1.004 sindaci e rinnovare i Consigli comunali. Le elezioni coinvolgono quattro capoluoghi di regione: Palermo, Genova, L'Aquila e Catanzaro. Tra questi, regina dell'affluenza è Catanzaro (con il %), mentre fanalino di coda è Genova (con%). Non va molto meglio a Palermo: alle 19 ha votato il % dei cittadini, mentre si registra una buona partecipazione a l'Aquila, dove ha votato il %.

Ventuno, poi, i capoluoghi di provincia coinvolti: Alessandria, Asti, Belluno, Como, Cuneo, Frosinone, Gorizia, La Spezia, Lecce, Lodi, Lucca, Monza, Oristano, Padova, Parma, Piacenza, Pistoia, Rieti, Verona, Taranto, Trapani. Le operazioni di voto si sono svolte in maniera regolare sul territorio nazionale, ma non mancano le denunce e le accuse di brogli.

Nel napoletano, ancora una volta, si registrano tentativi di controllo del voto. Tre uomini sono stati arrestati a Sant'Antimo perché trovati in possesso di 321 tessere elettorali di altrettanti loro concittadini, che tenevano nascoste in casa. Al momento dell'irruzione, i carabinieri hanno trovato le schede sul tavolo: all'interno di ognuno di esse era stato sistemato un fac simile della tessera elettorale con dettagliate indicazioni di voto sia su una lista da scegliere in appoggio a un candidato sindaco, sia sul nome di un aspirante consigliere comunale da scrivere nel segreto della cabina elettorale. I tre finiti sono finiti in manette e sono stati portati nel carcere di Poggio Reale, accusati di associazione a delinquere finalizzata al conseguimento di vantaggio elettorale. Accuse di irregolarità anche in Sicilia: "Abbiamo denunciato diversi episodi di controllo del voto davanti ai seggi di Borgo Nuovo, Zen, Arenella, Cep e Sperone. Seggi presidiati militarmente da 'galoppini' con elenchi alla mano e fac-simili per orientare il voto. Tutti episodi riferibili a candidati e liste che sostengono Fabrizio Ferrandelli", ha attaccato il deputato di Sinistra italiana Erasmo Palazzotto, dopo aver visitato i seggi elettorali di Palermo.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini 2017

Terrorismo, Gentiloni: Nessuno salvo, non rinunceremo a libertà

All'indomani delle minacce Isis all'Italia, il premier e il ministro degli Affari Esteri parlano della sicurezza in Italia

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra

Ministero dell'Interno. Firma del "Patto nazionale per un Islam italiano"

Terrorismo, due marocchini e un siriano espulsi da Italia

Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi

L'Italia piange Bruno e Luca. Mattarella: "Lotta al terrore"

La politica si stringe nel dolore delle famiglie