Lunedì 12 Giugno 2017 - 01:30

Affluenza ferma al 60,07%: In calo rispetto alla precedente tornata

Nella tornata di oggi erano nove milioni gli italiani chiamati al voto, per eleggere 1.004 sindaci

Elezioni Comunali Genova 2017 - Beppe Grillo al voto

Affluenza in calo alle amministrative. Alle 23, quando i seggi si chiudono, la partecipazione al voto si ferma al 60,07 % (negli 849 Comuni italiani rendicontati dal Viminale, escludendo quelli delle Regioni a statuto speciale Trentino Alto Adige e Sicilia). In occasione delle ultime amministrative, nel 2012, alla chiusura dei seggi alle 22 di domenica 6 maggio, aveva votato il 48,98% degli aventi diritto, ma allora si votava in due giorni ed era possibile votare fino alle 15 di lunedì. Alle 19 l'affluenza era al 62,1%, invece, nella tornata elettorale delle Amministrative 2016: allora si votava in un giorno solo: tra i Comuni coinvolti c'erano anche Roma, Milano, Torino e Bologna ed era un turno più avvertito dai partiti avendo più peso a livello nazionale.

Nella tornata di oggi erano nove milioni gli italiani chiamati al voto, per eleggere 1.004 sindaci e rinnovare i Consigli comunali. Le elezioni coinvolgono quattro capoluoghi di regione: Palermo, Genova, L'Aquila e Catanzaro. Tra questi, regina dell'affluenza è Catanzaro (con il %), mentre fanalino di coda è Genova (con%). Non va molto meglio a Palermo: alle 19 ha votato il % dei cittadini, mentre si registra una buona partecipazione a l'Aquila, dove ha votato il %.

Ventuno, poi, i capoluoghi di provincia coinvolti: Alessandria, Asti, Belluno, Como, Cuneo, Frosinone, Gorizia, La Spezia, Lecce, Lodi, Lucca, Monza, Oristano, Padova, Parma, Piacenza, Pistoia, Rieti, Verona, Taranto, Trapani. Le operazioni di voto si sono svolte in maniera regolare sul territorio nazionale, ma non mancano le denunce e le accuse di brogli.

Nel napoletano, ancora una volta, si registrano tentativi di controllo del voto. Tre uomini sono stati arrestati a Sant'Antimo perché trovati in possesso di 321 tessere elettorali di altrettanti loro concittadini, che tenevano nascoste in casa. Al momento dell'irruzione, i carabinieri hanno trovato le schede sul tavolo: all'interno di ognuno di esse era stato sistemato un fac simile della tessera elettorale con dettagliate indicazioni di voto sia su una lista da scegliere in appoggio a un candidato sindaco, sia sul nome di un aspirante consigliere comunale da scrivere nel segreto della cabina elettorale. I tre finiti sono finiti in manette e sono stati portati nel carcere di Poggio Reale, accusati di associazione a delinquere finalizzata al conseguimento di vantaggio elettorale. Accuse di irregolarità anche in Sicilia: "Abbiamo denunciato diversi episodi di controllo del voto davanti ai seggi di Borgo Nuovo, Zen, Arenella, Cep e Sperone. Seggi presidiati militarmente da 'galoppini' con elenchi alla mano e fac-simili per orientare il voto. Tutti episodi riferibili a candidati e liste che sostengono Fabrizio Ferrandelli", ha attaccato il deputato di Sinistra italiana Erasmo Palazzotto, dopo aver visitato i seggi elettorali di Palermo.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Matteo Renzi ospite a Porta a Porta

Pd, Renzi 'indisponibile' a confronto con Di Maio. Gentiloni e Zingaretti attesi a Ravenna

La festa dell'Unità si terrà in Emilia dal 24 agosto al 10 settembre. È già polemica sull'invito al vicepremier pentastellato

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito