Sabato 02 Dicembre 2017 - 15:45

Amicizia, amore e rispetto: finisce il viaggio del Papa in Birmania e Bangladesh

Per il Pontefice giornate di profonda riflessione, con al centro la crisi dei rifugiati Rohingya

La visita di Papa Francesco in Bangladesh

Uno dei viaggi più complicati e difficili del suo pontificato è finito oggi. Papa Bergoglio ha lasciato da poche ore il Bangladesh, dopo essere stato in Birmania, e sta facendo ritorno in Italia. Il Pontefice si è congedato con un invito all'amicizia 'sociale'. Poco prima di decollare, parlando ai giovani dell'Università di Notre Dame a Dhaka ha consigliato loro di "viaggiare nella vita" e "non vagare senza meta", e per questo li ha esortati a lasciarsi guidare da Dio che è, ha spiegato, "come se avesse messo dentro di noi un software, che ci aiuta a discernere il suo programma divino".

La visita di Francesco in Bangladesh, iniziata giovedì, è stata dominata dalla crisi dei rifugiati Rohingya nel paese, dove oltre 620.000 membri di questa comunità sono fuggiti dallo scoppio di violenze il 25 agosto in Birmania.

Giovedì, alla presenza del presidente del Bangladesh Abdul Hamid, il Papa ha chiesto aiuto alla comunità internazionale per affrontare la crisi dei rifugiati Rohingya, anche se, come in Birmania, ha evitato di citare per nome la minoranza musulmana.

Il giorno dopo, Francesco ha pronunciato il termine 'Rohingya', cosa che aveva evitato in Birmania. Ma alla fine lo ha fatto, ieri. "La presenza di Dio oggi si chiama anche Rohingya. Che ognuno abbia la sua risposta". Ha parlato davanti agli occhi e alla voce di chi ha visto l'inferno. Dall'inizio del viaggio nei due Paesi asiatici e fino a questa mattina, Bergoglio aveva accolto l'invito della chiesa locale birmana di non dire esplicitamente il loro nome, pur avendo affrontato la questione ogni giorno, senza spegnere i riflettori sulla crisi.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Accordo di libero scambio Ue-Giappone. Tusk: "Messaggio contro protezionismo"

La storica intesa permetterà all'85% dei prodotti agroalimentari europei di entrare nel Paese senza dazi doganali

Tunisia.Rifugiati libici

Libia, 100 migranti chiusi in un tir: sei bimbi e due adulti morti soffocati

Le vittime, secondo quanto riportano le autorità libiche, sono morte a causa dei fumi della benzina

Thailandia, Musk attacca sub: "Pedofilo". Lui pronto a fare causa

Le accuse dell'ad di Tesla dopo che il sommozzatore ha bocciato la sua offerta di fornire un sottomarino in miniatura per estrarre i calciatori

SUMMIT G8 - IL PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI  BILL CLINTON STRINGE LA MANO A VLADIMIR PUTIN

Un leader russo, quattro presidenti Usa: Putin e i rapporti con Washington

Relazioni altalenanti nel bene e nel male, ma mai rapporti duraturi. Ecco i precedenti e la situazione attuale con Trump