Mercoledì 20 Aprile 2016 - 12:45

Allarme petrolio a Genova, piccole chiazze arrivate in mare

Tecnici Arpal al lavoro per raccoglierle, si teme che altre possano arrivare dal Polcevera nel caso ci fossero piogge

Sversamento petrolio a Genova Ovest tra il rio Fegino e il torrente Porcevera

La chiazza di petrolio che ha raggiunto il mare a Genova si è sparpagliata in tante piccole macchie che sono ancora visibili nel bacino portuale. I tecnici dell'Arpal sono al lavoro per raccoglierle e si teme che altre chiazze possano arrivare dal Polcevera nel caso ci fossero piogge. L'incidente che ha provocato lo sversamento è avvenuto domenica sera nei pressi di Fegino, dopo si è rotta una condotta dell'oleodotto Iplom che ha sede a Busalla. Tra i primi a essere inquinato è stato, infatti, il rio Fegino che confluisce nel torrente Polcevera alle spalle di Sampierdarena. La preoccupazione è preoccupata per le conseguenze del disastro ambientale. L'odore di greggio resta forte ed è allarme per gli uccelli, i pesci e le rane uccise dal petrolio. Il comune di Genova e la Regione Liguria valutano la richiesta di 'stato di emergenza'.   

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, temperature vicine allo zero, persone infreddolite a porta Nuova

Nebbia e gelo: il meteo del 17 e del 18 dicembre

Continuano a scendere le temperature in questo nuovo inizio di settimana

REALI DI SAVOIA

Vittorio Emanuele III in Italia, la comunità ebraica contro il rientro: "Fatto inquietante"

La salma, partita da Alessandra d'Egitto durante la notte, è arrivata al santuario di Vicoforte

REALI DI SAVOIA

Savoia, la salma della regina Elena torna in Italia

Le spoglie sono ora al Santuario di Vicoforte e presto potrebbero arrivare anche quelle del marito, re Vittorio Emanuele III

Da operaio a rubagalline fino a diventare un killer: ecco chi è 'Igor'

L'ex soldato è arrivato in Italia nel 2005, prima lavora poi inizia a delinquere