Mercoledì 20 Aprile 2016 - 12:45

Allarme petrolio a Genova, piccole chiazze arrivate in mare

Tecnici Arpal al lavoro per raccoglierle, si teme che altre possano arrivare dal Polcevera nel caso ci fossero piogge

Sversamento petrolio a Genova Ovest tra il rio Fegino e il torrente Porcevera

La chiazza di petrolio che ha raggiunto il mare a Genova si è sparpagliata in tante piccole macchie che sono ancora visibili nel bacino portuale. I tecnici dell'Arpal sono al lavoro per raccoglierle e si teme che altre chiazze possano arrivare dal Polcevera nel caso ci fossero piogge. L'incidente che ha provocato lo sversamento è avvenuto domenica sera nei pressi di Fegino, dopo si è rotta una condotta dell'oleodotto Iplom che ha sede a Busalla. Tra i primi a essere inquinato è stato, infatti, il rio Fegino che confluisce nel torrente Polcevera alle spalle di Sampierdarena. La preoccupazione è preoccupata per le conseguenze del disastro ambientale. L'odore di greggio resta forte ed è allarme per gli uccelli, i pesci e le rane uccise dal petrolio. Il comune di Genova e la Regione Liguria valutano la richiesta di 'stato di emergenza'.   

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Marcello Forte visita la Casa Internazionale delle Donne a via della Lungara

Casa internazionale delle donne, Marcello Fonte: "Spazi come questo vanno difesi"

Il miglior attore a Cannes, insieme alle colleghe Trinca e Filippi, in supporto delle femministe a rischio sfratto dal Comune capitolino

Formigoni in tribunale

Caso Maugeri, accusa chiede condanna a 7 anni e 6 mesi per Formigoni

In primo grado l'ex governatore lombardo era stato condannato a 6 anni per corruzione

Farah è tornata in Italia, Alfano: "Adesso è in un luogo sicuro"

I genitori avevano condotto la ragazza pakistana a Islamabad per costringerla ad abortire