Lunedì 10 Ottobre 2016 - 11:30

Allarme obesità nel mondo: quasi 2 miliardi in sovrappeso

Il numero di persone colpite è più che raddoppiato dal 1980

Allarme obesità nel mondo: quasi 2 miliardi in sovrappeso

Nel mondo ci sono più obesi che persone sotto peso. Un allarme che riguarda soprattutto bambini e adolescenti che vivono nei Paesi in via di sviluppo e che torna a farsi sentire alla vigilia del secondo World Obesity Day, in programma domani a livello internazionale. La ricorrenza dell'Obesity Day in Italia cade invece oggi. Secondo i dati diffusi dalle Nazioni unite e dalla Fao, l'obesità nel mondo è più che raddoppiata dal 1980. Nel 2014 oltre 1,9 miliardi di adulti risultavano sovrappeso. Di questi, oltre 600 milioni (il 13% della popolazione mondiale) erano obesi.

L'Onu sottolinea che ogni anno 3,4 milioni di persone muoiono a causa di patologie legate all'obesità o al sovrappeso e che la gran parte della popolazione mondiale vive in Paesi dove i problemi di sovrappeso e obesità uccidono più persone rispetto ai problemi legati alla sottonutrizione. Nel 2014, 41 milioni di bambini sotto i cinque anni sono risultati sovrappeso o obesi. Di questi, quasi la metà vive in Asia. In Africa, invece, il numero di bambini obesi o in sovrappeso è quasi raddoppiata dal 1990 (quando erano 5,4 milioni) al 2014 (quando sono arrivati a essere 10,6 milioni). I bambini obesi hanno problematiche legate a difficoltà respiratorie, un maggior rischio di fratture e ipertensione. E in loro possono insorgere presto segnali di malattie cardiovascolari, resistenza all'insulina ed effetti psicologici.

Nell'Europa occidentale, secondo un rapporto del 2013, il Paese con il maggior tasso di obesità è il Regno Unito, davanti a nazioni come Francia, Germania, Spagna e Svezia. In terra britannica, i livelli di obesità sono più che triplicati negli ultimi 30 anni e, secondo le attuali stime, oltre metà della popolazione potrebbe risultare obesa entro il 2050.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Giornata contro Aids, 3.444 nuovi casi in Italia nel 2015

Giornata contro Aids, 3.444 nuovi casi in Italia nel 2015

Sabato 3 e domenica 4 dicembre torna l'iniziativa 'Un bonsai per Anlaids'

Bio-On, rivoluzione in cosmetica: addio alle microplastiche

Bio-On, rivoluzione in cosmesi: addio ai polimeri artificiali

Microplastiche naturali li sostituiranno in creme e rossetti

Dalla soia effetti negativi sulla fertlità maschile

Dalla soia effetti negativi sulla fertilità maschile

A riverlarlo uno studio presentato dal ricercatore della Fondazione Ivi

Tumore cerebrale del bambino, si può predire prognosi grazie a test

Tumore cerebrale del bambino, si può predire prognosi con test

Lo studio è il risultato di un lavoro condotto dalla dottoressa Daniela Chieffo