Lunedì 10 Ottobre 2016 - 11:30

Allarme obesità nel mondo: quasi 2 miliardi in sovrappeso

Il numero di persone colpite è più che raddoppiato dal 1980

Allarme obesità nel mondo: quasi 2 miliardi in sovrappeso

Nel mondo ci sono più obesi che persone sotto peso. Un allarme che riguarda soprattutto bambini e adolescenti che vivono nei Paesi in via di sviluppo e che torna a farsi sentire alla vigilia del secondo World Obesity Day, in programma domani a livello internazionale. La ricorrenza dell'Obesity Day in Italia cade invece oggi. Secondo i dati diffusi dalle Nazioni unite e dalla Fao, l'obesità nel mondo è più che raddoppiata dal 1980. Nel 2014 oltre 1,9 miliardi di adulti risultavano sovrappeso. Di questi, oltre 600 milioni (il 13% della popolazione mondiale) erano obesi.

L'Onu sottolinea che ogni anno 3,4 milioni di persone muoiono a causa di patologie legate all'obesità o al sovrappeso e che la gran parte della popolazione mondiale vive in Paesi dove i problemi di sovrappeso e obesità uccidono più persone rispetto ai problemi legati alla sottonutrizione. Nel 2014, 41 milioni di bambini sotto i cinque anni sono risultati sovrappeso o obesi. Di questi, quasi la metà vive in Asia. In Africa, invece, il numero di bambini obesi o in sovrappeso è quasi raddoppiata dal 1990 (quando erano 5,4 milioni) al 2014 (quando sono arrivati a essere 10,6 milioni). I bambini obesi hanno problematiche legate a difficoltà respiratorie, un maggior rischio di fratture e ipertensione. E in loro possono insorgere presto segnali di malattie cardiovascolari, resistenza all'insulina ed effetti psicologici.

Nell'Europa occidentale, secondo un rapporto del 2013, il Paese con il maggior tasso di obesità è il Regno Unito, davanti a nazioni come Francia, Germania, Spagna e Svezia. In terra britannica, i livelli di obesità sono più che triplicati negli ultimi 30 anni e, secondo le attuali stime, oltre metà della popolazione potrebbe risultare obesa entro il 2050.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Stress ossidativo, come combattere i danni dei raggi solari

Stress ossidativo, come combattere i danni dei raggi solari

I consigli del chirurgo Mirko Manola per preparare la pelle all'esposizione

I bambini piangono di più in Italia e Gb, meno in Germania

I neonati italiani sono più 'piagnoni' dei tedeschi

Lo afferma uno studio dell'università di Warwick

Hiv, professor Poli: Più fondi alla ricerca, Aids è ancora emergenza

Professor Poli: Più fondi a ricerca, Aids è ancora emergenza

Trent'anni fa fu approvato il primo farmaco contro il virus ma per gli studiosi c'è ancora tanta strada da fare

Il ministero della Salute lancia l'allarme sull'aumento del morbillo: Da gennaio +230%

Morbillo, il ministero della Salute lancia l'allarme: Aumento del 230%

Lorenzin: "Bisogna promuovere un'ulteriore campagna di responsabilizzazione sui vaccini"