Giovedì 29 Settembre 2016 - 12:45

Allarme dell'Unicef: Uccisi 96 bambini ad Aleppo Orientale

Il sistema sanitario nella città siriana è al collasso

Aleppo, situazione sempre più disperata

Secondo l'Unicef, da venerdì scorso, ad Aleppo Orientale almeno 96 bambini sono stati uccisi e 223 sono stati feriti. "I bambini di Aleppo sono intrappolati in un incubo", ha dichiarato Justin Forsyth vice direttore generale dell'Unicef. "Non ci sono parole - ha aggiunto - per descrivere le sofferenze che questi bambini stanno vivendo". Il sistema sanitario ad Aleppo Orientale, spiega l'Unicef, è al collasso: sono rimasti circa 30 medici, ci sono pochissime attrezzature o medicine d'emergenza per curare i feriti, mentre cresce il numero di casi di traumi.

Un medico sul campo ha detto all'Unicef che i bambini con poche possibilità di sopravvivenza troppo spesso vengono lasciati morire perché le scorte sono poche e limitate. "Niente può giustificare un tale violenza sui bambini - ha raccontato - e una tale non curanza del valore della vita umana. La sofferenza e il suo impatto sui bambini è sicuramente la cosa peggiore che abbiamo visto".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Spagna, un anno fa attacco a Barcellona: la città ricorda le vittime

Barcellona commemora attacco Rambla divisa su questione Catalogna

In un doppio attentato tra il centro città e Cambris persero la vita 16 persone, tra cui due italiani

India, allagamenti per forti piogge

India, alluvioni in Kerala: 324 morti, oltre 220mila sfollati

Situazione drammatica dopo dieci giorni di piogge incessanti. In tutto lo Stato le vittime sono oltre 800

TURKEY-US-POLITICS-JUSTICE-RELIGION-DIPLOMACY

Turchia, respinta nuova richiesta di rilascio del pastore Usa

Washington minaccia nuove sanzioni. Ankara replica: "Pronti a reagire"

Jena, Angela Merkel alla conferenza "Citizens' dialogue on the future of Europe"

Migranti, Berlino: "Accordo con Grecia, intesa vicina anche con Italia"

Al centro i respingimenti al confine dei profughi che abbiano già chiesto asilo in altri Paesi europei