Martedì 07 Giugno 2016 - 10:45

Allarme dell'Istat: Rallenta la crescita nel breve termine

"L'inflazione dovrebbe rimanere appena negativa o vicino allo zero ancora nei mesi estivi"

Allarme dell'Istat: Rallenta la crescita nel breve termine

"L'economia italiana continua a crescere con un ritmo moderato, caratterizzato dal consolidamento del contributo positivo della domanda interna alla crescita del Pil". Lo rileva l'Istat nella nota mensile di maggio sull'andamento dell'economia nazionale. "Il principale motore della crescita - si legge nel documento - è costituito dai consumi ai quali si accompagna anche un miglioramento degli investimenti. In presenza di alcuni segnali di debolezza delle attese delle imprese e degli ordinativi della manifattura, l'indicatore composito anticipatore dell'economia italiana ha segnato un'ulteriore discesa, suggerendo il rallentamento nel ritmo di crescita dell'attività economica nel breve termine".

 INFLAZIONE. "Nel quadro di spinte interne sui prezzi moderate e in assenza di mutamenti sostanziali dello scenario internazionale, l'inflazione dovrebbe rimanere appena negativa o vicino allo zero ancora nei mesi estivi con un possibile recupero a partire dall'autunno".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Antitrust, sessione del 13mo convegno a Treviso

Conte incontra le vittime delle banche, Calabrò (Antitrust): "Puntare su tutela"

Il direttore della Direzione Generale per la Tutela del Consumatore Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato commenta la visita del premier incaricato ai risparmiatori truffati

UniPegaso. Firma di una convenzione tra la UIL Pensionati e l'Università Telematica Pegaso

Uil Pensionati, Bellissima: "Sfida partecipazione e patto coi giovani"

Il Segretario generale presenta il congresso nazionale dal 22 al 25 maggio a Salsomaggiore Terme

Cedono le banche, Borsa in calo

Borsa, Milano in altalena: in pareggio senza i dividendi

Piazza Affari parte con un -2,1%. Poi risale a -0,2% con lo stacco delle cedole che pesa per l'1,71%. Quindi ricade verso -1,50%