Domenica 01 Gennaio 2017 - 13:45

Allarme da Londra: Isis prepara attacchi chimici di massa in Europa

I servizi di sicurezza britannici hanno condotto esercitazioni per prepararsi a tale eventualità

Allarme del Regno Unito: Isis prepara attacchi chimici di massa in Europa

Lo Stato islamico intende lanciare attacchi chimici di massa su obiettivi nel Regno Unito e in Europa. Ad affermarlo è il ministro alla Sicurezza britannico, Ben Wallace, in un'intervista al Sunday Times. "L'ambizione di Is o Daesh (acronimi che indicano lo Stato islamico, ndr) è decisamente compiere attacchi che causino stragi di massa", ha sottolineato, "non hanno ostacolo morale a usare armi chimiche contro le popolazioni e, se potessero, lo farebbero in questo Paese. Il numero di vittime che potrebbe essere coinvolto sarebbe la peggior paura di tutti". La testata precisa che non è stato identificato alcun piano specifico del genere, ma che i servizi di sicurezza britannici hanno condotto esercitazioni per prepararsi a rispondere a tale eventualità. Lo Stato islamico ha usato il gas mostarda a Marea, in Siria, nell'agosto 2015, secondo l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche. Secondo Wallace, lo smantellamento della cellula dell'Isis in Marocco è la prova che il gruppo mira a commettere attacchi chimici altrove. "Le autorità marocchine hanno smantellato una cella coinvolta con armi chimiche, hanno recuperato sostanze chimiche e biologiche tossiche e una grande quantità di fertilizzante. Le sostanze sarebbero potute essere usate per produrre esplosivi artigianali ed essere trasformate in tossine mortali", ha spiegaato Wallace. Secondo le stime, sono circa 800 i britannici che sono andati a combattere in Siria, molti per combattere con l'Isis nella guerra in corso, e un centinaio di loro sarebbe stato ucciso. "La maggior preoccupazione è se Mosul collasserà e tutte le altre basi dell'Isis faranno lo stesso. Sappiamo che c'è un elevato numero di combattenti dello Stato islamico in Siria e probabilmente vorranno tornare a casa" in Europa.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bergamo, La Coop Sul Serio batte la crisi: quando i lavoratori salvano le aziende dal fallimento

Onu: "Le donne guadagnano il 23% meno degli uomini. È il più grande furto della storia"

Il dato emerge dalla campagna #StopTheRobbery ed è specchio di una situazione diffusa in tutto il mondo

Sami Anan

Egitto, ex capo di stato maggiore Sami Anan si candida a presidenziali

Sfiderà l'attuale presidente Abdel Fattah al-Sisi

Usa, un anno di Trump: tra scandali e promesse mantenute

Al termine del primo anno di governo l'immagine del presidente degli Stati Uniti nel mondo è peggiore di quanto non sia mai stata quella dei suoi due predecessori

Papa Francesco a Puerto Maldonado per abbracciare gli indigeni

Il Papa contro la cultura machista: "Donne schiave di violenza senza fine"

Nell'incontro con gli indigeni del Perù Bergoglio denuncia una situazione non più tollerabile