Venerdì 24 Novembre 2017 - 18:00

Falso allarme a Oxford Street: riaperte tre stazioni metro a Londra

Fuga di massa nel cuore delle vie dello shopping. Testimoni: uditi spari, ma non c'è traccia di sparatoria

Londra, allarme a Oxford Street

Attimi di terrore a Oxford street per un falso allarme. Una fuga di massa ha interessato la stazione metro di Oxford Circus, nel cuore delle vie dello shopping londinesi, il pomeriggio di venerdì. Alcuni testimoni hanno parlato di "colpi di arma da fuoco", ma la polizia non ha rinvenuto tracce della presunta sparatoria, né vittime o feriti, salvo una donna rimasta lievemente ferita nella calca per uscire dalla stazione.

La Metropolitan police ha spiegato l'intervento in un tweet: "La polizia è intervenuta alle 16:38 per diverse segnalazioni di colpi di arma da fuoco su Oxford Street e nella stazione della metropolitana di Oxford Circus. La polizia ha risposto come se l'incidente fosse collegato a terrorismo. Uomini armati e disarmati sono sulla scena". 

Inizialmente le forze dell'ordine hanno chiuso la stazione di Oxford Circus, insieme a quelle di Bond street e Tottenham Court Road, e avvertito di evitare l'area, nel West End della capitale inglese. Gli agenti hanno inoltre invitato a trovare rifugio negli edifici e alcuni negozi hanno chiuso le porte per proteggere le persone all'interno. Dopo le verifiche di rito, le stazioni sono poi state riaperte e la situazione è tornata alla normalità.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Gerusalemme: strappo all'Onu. Italia e 4 Paesi Ue contro Trump

Gerusalemme capitale. Veto Usa all'Onu su risoluzione contraria

Il documento bloccato dalla Casa Bianca (a favore gli altri 14 membri del Consiglio di Sicurezza) chiedeva di non alterare lo status della città santa

Treno passeggeri deraglia nello Stato di Washington. Lo sceriffo: "Morti e feriti"

Uno dei vagoni è caduto sull'autostrada sottostante atterrando sulle auto in transito. Ignote le cause dell'incidente

Regno Unito, allarme in base Usa: auto contro barriere, un arresto

La struttura a Mildenhall è stata posta in lockdown

Milano, presidio contro mamma licenziata da IKEA

Vantaggi fiscali illeciti a Ikea. L'Unione Europea indaga sull'Olanda

Due norme fiscali avrebbero favorito il colosso svedese dei mobili nei confronti della concorrenza. Ricavi spostati in Lussemburgo e Liechtenstein