Lunedì 18 Luglio 2016 - 16:45

All’Aerautodromo di Modena un rally per tutti ogni giorno dell’anno

Il 'Rally della Storia' può essere disputato con qualunque auto

All’Aerautodromo di Modena un rally per tutti ogni giorno dell’anno

Sono due le cose che danno il piacere dell’automobile, si tratti della propria, quella di tutti i giorni, o di un modello sportivo o classico: belle strade e piste su cui divertirsi alla guida e luoghi che ne celebrano la storia con modelli da sogno e gesta sportive, possibilmente della Formula 1. Con il Rally della Storia, l’Aerautodromo di Modena ha unito questi due ingredienti con una novità in più: per la prima volta un rally non è l’appuntamento di una data precisa, ma può essere disputato con qualunque auto, da chiunque, ogni giorno dell’anno senza complessità burocratiche o apposita licenza, in due o con amici o figli a bordo.

Com’è possibile? L’Aerautodromo di Modena mantiene attiva tutta l’organizzazione in modo permanente, per cui chi si iscrive può disputarlo il giorno che crede con tutto il piacere e l’emozione di un autentico evento: road book, tabella di marcia e un collegamento continuo con l’organizzatore, via Whatsapp, che contribuisce a verificare il rispetto di percorso e prove.

Il Rally della Storia prevede prove in Autodromo e un percorso di 90 chilometri con alcune soste arricchite da speciali e divertenti prove presso la Collezione Panini, il Museo Ferrari di Maranello, le Formula 1 della collezione Giacobazzi a Nonantola e il Museo Enzo Ferrari a Modena. Il tracciato prevede anche l’emozione di guidare sulla leggendaria strada chiamata 'percorso dei Collaudatori Ferrari' che da Maranello arriva a Puianello e Castelvetro. Alla conclusione ogni partecipante riceve una pergamena che attesta la partecipazione e il punteggio realizzato. Per chi compie l’intero percorso rispettando tutto quanto richiesto dalla tabella di marcia, l’attestato riporterà, al posto del punteggio, la scritta Cum Laude dando all’equipaggio il diritto alla partecipazione ad un evento speciale: il 'Winter History Rally Motor Valley Trophy' del gennaio 2017.

“La storia, davvero unica, del motorismo nelle nostre terre, ha avuto un contributo importante dallo storico Aerautodromo che sorgeva in città e dove Ferrari e Maserati, e non solo, collaudavano le proprie vetture da corsa. Il nuovo Aerautodromo prosegue quel cammino e rappresenta per Modena un’attrattiva turistica nel nome dello sport", spiega Angelo Borghi, amministratore delegato dell’Aerautodromo di Modena e suo appassionato animatore, "con questo rally, unico per originalità e avvincente col suo programma che prevede anche prove nei due Musei della Ferrari, a Maranello e a Modena, diamo la possibilità di fare anche alcuni giri in pista. E’ un modo per far capire come il divertimento dell’auto, in piena sicurezza, abbia in Modena un prestigioso punto di riferimento”. Per le modalità di partecipazione: www.autodromodimodena.it

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Stelvio Cup, emozioni ad alta quota

Una carovana di Alfa Romeo è partita da Bormio per salire al passo dello Stelvio: più di 20 chilometri e 75 tornanti di puro divertimento

Fca, la comunicazione premiata al 'Grand Prix'

Il marchio Fiat vince, per la prima volta, il trofeo 'GrandPrix 2018', il più importante premio in Italia relativo alla comunicazione, con l’operazione 'Tribute to 500'

Fca Heritage sponsor di Archivissima

Dal 6 all'8 giugno, a Torino, andrà in scena la prima edizione di Archivissima, il festival internazionale degli archivi che farà “vivere” le istituzioni culturali e le aziende storiche della città

Stelvio Cup 2018, una festa Alfa Romeo

Alfa Romeo Stelvio Cup, il Biscione nel cuore

Partiamo da Torino con una Giulia Quadrifoglio per raggiungere Bormio, sede del raduno Alfa Romeo dedicato al “Suv più veloce del mondo”