Lunedì 20 Marzo 2017 - 08:45

Alibaba lancia una fondazione per la logistica verde

Il gigante dell'e-commerce investirà inizialmente circa 40 milioni di euro

Alibaba lancia una fondazione per la logistica verde

Il gigante cinese dell'e-commerce, Alibaba, ha annunciato la creazione di una fondazione dedicata a promuovere la logistica verde, con l'obiettivo di preservare l'ambiente nel Paese asiatico. Cainiao Green Alliance - questo il nome della fondazione lanciata da Cainiao (il consorzio che gestisce la piattaforma logistica di Alibaba), dalla Fondazione Alibaba, dalla Fondazione per la Protezione ambientale della Cina e da sei aziende cinesi del comparto - investirà inizialmente 300 milioni di yuan (40,4 milioni di euro) in ricerca mirata alla promozione della difesa ambientale nella logistica, nel consumo e nella catena d'approvvigionamento. Tra i temi sui quali si concentrerà la ricerca, l'innovazione nel campo del packaging ecologico, la promozione dell'impiego di energie pulite per i veicoli che effettuano le consegne merci e l'utilizzo di dati in logistica per ottimizzare le risorse.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Accordo di libero scambio Ue-Giappone. Tusk: "Messaggio contro protezionismo"

La storica intesa permetterà all'85% dei prodotti agroalimentari europei di entrare nel Paese senza dazi doganali

Camp Jeep 2018: alla scoperta della nuova Wrangler

Fca, a giugno immatricolate 104.100 auto in Europa: Jeep +72,1%

Ottimi risultati anche per l'Alfa Romeo con i suoi modelli di punta Stelvio e Giulia

CHINA-EU-SUMMIT-DIPLOMACY

Dazi, summit Ue-Cina a Pechino: "Evitare conflitti, Wto da riformare"

Il governo cinese, intanto, ricorre all'Organizzazione mondiale del commercio contro la minaccia di tariffe pari a 200 miliardi avanzata dagli Stati Uniti

Presentazione del XVI Rapporto annuale dell’INPS

Dl dignità, governo contro Boeri. Lui ribatte: "I dati non si fanno intimidire"

Il ministro del Lavoro si era scagliato contro le lobby che avrebbero modificato la relazione tecnica sul decreto